Le squadre che partecipano a Russia 2018: alla scoperta del Belgio

squadre Mondiale Russia 2018 Belgio

La presentazione della Nazionale Belga in vista del Mondiale: il cammino della squadra, la rosa, il calendario, le statistiche e le possibilità di qualificazione.

MOSCA – Continua il nostro viaggio di avvicinamento al Mondiale con la presentazione delle trentadue squadre che vi prenderanno parte per dare vita alla competizione (sportiva e non) più avvincente del pianeta. Quest’oggi sarà il turno del Belgio che, da qualche anno a questa parte, è diventata una vera e propria mina vagante vista la grande quantità di talenti presenti sul rettangolo di gioco. La Nazionale Belga è stata la sesta a qualificarsi per il Mondiale e non ha nessuna intenzione di salutare la compagnia presto.

  1. Il cammino della Nazionale
  2. La rosa con i suoi Top-Player
  3. Il calendario degli incontri
  4. Curiosità e statistiche
  5. Dove può arrivare

Il cammino della Nazionale

Finendo il girone di qualificazione imbattuto il Belgio si è guadagnato la partecipazione alla prossima Coppa del Mondo che si giocherà in Russia. Nel girone, non certo di ferro, la squadra belga ha raccolto 9 vittorie e un pareggio (contro la Grecia seconda nella classifica) e nessuna sconfitta. Su tutte le partite spiccano i risultati roboanti contro le modeste Estonia e Gibilterra (8-1, 6-0, 9-0), che certificano l’enorme differenza reti con 43 gol fatti e sei subiti in dieci partite.

La rosa con i suoi Top-Player

La squadra sarà guidata da Roberto Martinez e avrà come capitano il giocatore più rappresentativo, ovvero Eden Hazard. I rossi possono disporre di una rosa estremamente competitiva con la maggior parte degli uomini che militano nelle maggiori squadre dei migliori campionati europei. In porta si farà affidamento a Courtois, uno dei migliori in circolazione. La difesa è targata Spurs, con Vertonghen e Alderweireld. Spostandoci nella mediana non c’è Nainggolan ma spicca Kevin De Bruyne. Tuttavia il vero “problema” per il CT sarà capire chi schierare in attacco con Hazard, Mertens e Lukaku che potrebbero giocare tutti e tre insieme a seconda del modulo scelto dal tecnico di nazionalità spagnola.

Il calendario degli incontri

Il girone sarà tutt’altro che impossibile con Panama, Tunisia e Inghilterra. Le prime nazionali si trovano rispettivamente alla prima e alla quarta partecipazione ai mondiali, gli inglesi saranno l’avversario con più blasone per il Belgio. Il calendario permetterà al Belgio di esordire il 18 giugno, in quel di Soci, contro il Panama mentre il 23 giugno, a Mosca, ci sarà la seconda sfida contro la Tunisia. Il match clou contro l’Inghilterra, invece, andrà in scena il 28 giugno a Kaliningrad.

Curiosità e statistiche

L’esordio ufficiale della Nazionale Belga avvenne nel lontano 1920 con il pareggio per 3-3 contro la Francia. Nel corso della sua storia i Diavoli Rossi hanno partecipato 13 volte alla fase finale della Coppa del Mondo con il quarto posto del 1986 come miglior risultato. Agli Europei, invece, la compagine rossa-gialla-nera ha preso parte cinque volte rimediando un secondo posto nell’edizione del 1980. La più larga vittoria del Belgio, anzi, le più larghe vittorie sono tre: 9-0 a Gibilterra nel 2017, 10-1 a San Marino nel 2001, 9-0 allo Zambia nel 1994. La più larga sconfitta, invece, risale al 1909: 11-2 subito proprio dall’Inghilterra.

Dove può arrivare

I mondiali spesso ci regalano delle sorprese ma, stando alla carta, non ci dovrebbero essere grossi problemi per la squadra belga nel passaggio del turno. Negli ultimi anni il Belgio è arrivata, sia a Brasile 2014 che a Euro 2016, ai quarti di finale. Presumibilmente, non avendo riserve all’altezza dei titolari, il cammino potrebbe fermarsi lì anche quest’anno, rimanendo comunque sul fatto che i titolari sono di livello assoluto e che possono competere con qualsiasi nazionale top che giochi questa competizione.