Superlega, il docente di Diritto Sica: “Serve un compromesso”

17

Un Tricolore per cinque (?): campionato più avvincente che mai

Le interessanti dichiarazioni del Docente di Diritto Salvatore Sica nel corso di un’intervista rilasciata a Tuttomercatoweb.

SALERNO – Salvatore Sica, docente di Diritto all’Università di Salerno, è intervenuto ai microfoni di Tuttomercatoweb affrontando il tema delle conseguente legali dopo la nascita della Superlega. Queste le sue parole: “L’unica certezza è che si andrà verso una battaglia legare. Un atto così “violento” presuppone la certezza di una strategia legale. Sarà difficile che i club organizzino il proprio campionato privato e pretendano di restare nei campionati nazionali. E ho seri dubbi sul fatto che questa iniziativa non sia in contrasto con il diritto europeo della concorrenza. Mi aspetto una reazione dell’autorità antitrust”.

Sui calciatori ha aggiunto: “Non possono vietargli di partecipare alla Superlega ma possono sanzionarli perché la competizione non è autorizzata. Per sopravvivere ai regolamenti internazionali l’unica soluzione è che il progetto vena portato all’interno del sistema Uefa. Serve un compromesso ma è difficile perché è evidente che non vogliono dipendere da nessuno. Gli unici criteri qui sono il bilancio e la forza finanziaria”.

Articoli correlati