Tattica Roma: il ritorno di Gervinho

215

ROMA – Gervinho è finalmente tornato a Roma e, per di più, l’ha fatto da trionfatore. L’ivoriano porta con sè il titolo continentale e il neo compagno in giallorosso Doumbia. Garcìa ritrova la sua freccia, ma, ora, deve ridisegnare una Roma diversa.

CON LJAJIC E TOTTI – La prima ipotesi che viene in mente è quella che vedrà Gervinho e Ljajic ai lati di Totti. Questo è stato un modulo spesso usato da Garcìa e che ha regalato buone partite, ma, con una controindicazione: la mancanza di un bomber. Totti, infatti, non gioca come centravanti in questo modulo, ma da trequartista, pronto ba innescare, con le sue idee illuminanti la corsa e la tecnica dei due esterni. Il problem è che, in questo modo, la Roma ha una sola, credibile, opzione offensiva, quella di Ljajic, dato che Gervinho al gol è allergico come Superman alla Kriptonite. Ciò che Garcìa vuole, invece, è aumentare la produzione di palle gol e la percentuale realizzativa.

TOTTI A RIPOSO – Per questo motivo è possibile che il tecnico lanci da subito titolare Doumbia con l’ex Fiorentina e Gervinho ai suoi lati. La mobilità di Doumbia e il suo fiuto del gol, potrebbero combinarsi perfettamente con la tecnica di Ljajic e la velocità di Gervinho. Questo significa che si va verso una sorta di staffetta tra Totti e il neo romanista. Probabile che Garcìa, anche in vista dei futuri impegni europei, decida di centellinare l’impiego del capitano, in modo di permettergli di poter reggere al meglio il doppio impegno.

Articoli correlati