Torino, le parole di Juric dopo la sconfitta con la Fiorentina

43

Torino

Le parole dell’allenatore del Torino, intervenuto ai microfoni di DAZN, dopo la sconfitta della sua squadra contro la Fiorentina.

TORINO – Ivan Juric, allenatore del Torino, è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo la sconfitta con la Fiorentina. Queste le sue parole: “Ci vuole un’altra fisicità per il calcio che vogliamo fare. Se perdi tanti palloni diventa difficile fare il nostro gioco. Non è facile mettere tutto a posto. Oggi la Fiorentina ha giocato meglio ed ha meritato. Io ho fatto la mia analisi, da più di un mese, per essere competitivi. Quello di ieri è stato un grido di disperazione. La squadra negli ultimi anni ha preso 140 gol e si è salvata all’ultimo. Ha perso giocatori importanti, io ho fatto la mia analisi. Se prendi Juric come allenatore, devi fare qualcosa. La mia analisi, schietta e sincera, l’ho fatta. Siamo in ritardo. Noi siamo veramente in ritardo. Non so rispondere in tutta sincerità. Magari vedendo la partita con l’Atalanta si è avuta la sensazione che la squadra potesse andare bene così. Non c’è solo un ruolo. Quando fai calcio devi avere certe caratteristiche. In certe cose ti arrangi come è normale che sia, ma certe caratteristiche devi averle. Quando prendi un allenatore di un certo tipo, devi dargli quello che chiedi. Io non chiedo la luna. Abbiamo venduto Lyanco e non arriva nessuno per sostituirlo. Poi si va sempre in battaglia. A Verona il presidente il primo anno era stato chiaro. I soldi erano pochi, abbiamo fatto tanti prestiti. Ad esempio Pessina, arrivato in prestito secco. Ci abbiamo lavorato e poi è tornato all’Atalanta per fare il fenomeno. Per me è come una sconfitta. Pobega è un bel giocatore, ha gamba e mi piace, ma per me è una sconfitta. Mi piacerebbe lavorare per aiutare la società. I discorsi all’inizio erano diversi, c’erano altre idee e altre discorsi. Io percepivo altre idee, sono in difficoltà”. 

Articoli correlati