Tour de France: sul Pavè paga Basso

Il varesino è la prima vittima illustre della corsa

Si temeva molto la tappa odierna, non fosse altro per la presenza di lunghi tratti in pavè che sovente rischiano di elargire disavventure legate proprio alla tipologia di strada, causante non rare forature e cadute.

Proprio una foratura ha rischiato di lasciare già a piedi (anche metaforicamente) la maggior attrazione di codesto Tour, ovvero Lance Armstrong. Per fortuna (la sua e…della stessa Corsa Gialla, che avrebbe perso gran parte dell’interesse in caso di una sua fuoriuscita dal novero dei big…) il texano, 7 volte vincitore della Gran Boucle, riuscirà a limitare i danni, riportandosi tra i migliori, seppur a circa 1 minuto da Contador.

Non ha avuto alcuna foratura ma ha ugualmente pagato dazio al pavè il nostro faro Ivan Basso, che al termine della frazione odierna ha accusato un distacco giustificabile soltanto in una tappa di alta montagna,  2’25’’ che già pregiudicano le sue (e dell’Italia intera) ambizioni in giallo, per una defaillance davvero imperdonabile, che tramortisce le nostre aspettative.

La tappa è stata vinta in volata ristretta dal decano norvegese Thor Hushovd, all’8° successo in terra di Francia, per un velocista in grado di tenere su percorsi impervi come quello odierno; egli ha preceduto il britannico Thomas, il Campione del Mondo, l’australiano Evans, il canadese Hesjedal, il lussemburghese Andy Schleck e l’elvetico Cancellara, che si è ripreso la maglia gialla scippatagli ieri dal francese Chavanel (vincitore della tappa dopo essere andato in fuga).

I big: Vinokourov è arrivato a 53’’, Menchov pure; Contador a 1’13’’, la maglia verde Petacchi a 2’08’’, idem Armstrong, Sastre a 2’25’’,…Classifica Generale: 1° Cancellara, a 23’’ Thomas, 39’’ Evans; i big: A.Schlech a 1’09’’, Vinokourov a 1’31’’, Contador a 1’40’’, Menchov 1’49’’, Armstrong 2’30’’, Sastre 3’19’’, Basso 3’20’’…[guarda la classifica].