Udinese, Gotti: “Difficilissimo riprendere a giocare”

140

Udinese

Le parole dell’allenatore dell’Udinese nel corso di un’intervista rilasciata ai canali ufficiali del club friulano.

UDINE – Luca Gotti, allenatore dell’Udinese, ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali del club bianconero. Queste le sue parole: “Sarà un piacere ritrovare i ragazzi in occasione del ritiro di squadra dopo uno stop così lungo. Ciò che sarà possibile fare in campo e cosa no ancora non lo sappiamo con precisione, ci adatteremo alle disposizioni delle autorità competenti. Non mi sembra comunque scontato che la ripresa degli allenamenti porterà anche alla ripartenza del campionato”.

Gotti ha, poi, aggiunto: “Con gli elementi che ci sono dati oggi mi sento di dire che riprendere a giocare sarà difficilissimo. I punti critici sono a mio avviso la quarantena del gruppo squadra in caso di nuovo contagi, la responsabilità civile e penale del medico sportivo e di un responsabile della società, infine i viaggi. Ritengo che per far ripartire il calcio ci vogliano una visione molto più ampia e delle condizioni diverse da quelle che si prospettano attualmente. Se il campionato riprendesse e poi fossimo costretti a sospenderlo avremo fatto un enorme autogol.  In queste settimane i giocatori sono stati maggiormente in contatto con i preparatori tecnici e i collaboratori. Il mio intervento è stato più marginale, ho cercato di essere di supporto a livello psicologico per chi ne avesse più bisogno”. 

Infine: “Ho avuto modo di riguardare alcune delle ultime partite giocate. Vincere a Bologna avrebbe cambiato tanto sia nella percezione del percorso intrapreso sia nella classifica, diventata improvvisamente molto più ristretta. Il fatto che la sosta forzata sia giunta in quel momento mi è dispiaciuto. Se si ripartirà cercheremo di far trovare pronta la squadra per ogni eventualità, di tirare fuori il meglio da ognuno per metterlo a servizio del collettivo. Ciò che indubbiamente mancherà di più sarà il pubblico, l’aspetto emotivo di una partita coinvolge a pieno titolo anche la tifoseria”.

Articoli correlati