Zanetti: “Vinceremo ancora. Maicon deve restare!”. Poi è commovente…

A Sky Sport 24, nel giorno del suo 37esimo compleanno, Javier Zanetti, capitano eterno dell’Inter, si confessa e parla a 360° su se stesso e sull’Inter, campione di tutto: “E’ un giorno speciale per me, ringrazio la società che mi ha rinnovato il contratto e devo ringraziare tifosi, l’Inter, il presidente Moratti e tutta la famiglia Inter. Mi auguro di continuare anche dopo, ma questo è un motivo d’orgoglio immenso. Se festeggerò? Sicuramente stasera facciamo festa dai, poi domani si torna a lavorare.

Quest’anno sarà dura, anche in Serie A ce la giocheremo con tutti, Roma, Juve, Milan, Fiorentina e Genoa sono tutte ottime squadre, tutte vorranno batterci e si sono rinforzate al meglio. Noi però vogliamo continuare a scrivere la storia di questo club. Giocheremo la Supercoppa Italiana contro la Roma che becchiamo sempre, che non sarà facile, e poi la Supercoppa Europea. Speriamo che i risultati possano arrivare”. Qualche parola sul nuovo tecnico, Rafa Benitez: “Lui ha idee molto chiare, quando arriva un nuovo allenatore è sempre così, ci sono cambiamenti. Dovremo essere bravi ed accorciare i tempi per ripartire fortissimo. Ha un’idea tattica di una squadra molto alta, e sa che il gruppo è disponibile e unito”.

Immancabile un commento sul calciomercato, e sulle vicende Maicon e Balotelli: “Spero che Maicon resti con noi. Il presidente Moratti è stato molto chiaro, deve restare. L’ho detto anche io: Maicon è il terzino destro più forte al mondo. Stiamo parlando di un giocatore importante per l’Inter in passato e possibilmente anche in futuro, poi dipende anche dalla società. Ripeto però, per noi Maicon è molto importante. Balotelli sappiamo tutti che è molto vicino alla cessione, l’ha detto anche il suo agente, ora però ha la testa alla Nazionale e in ogni caso per ora resta un nostro compagno”. La delusione per l’esclusione di Maradona dal Mondiale? “Io sono sereno, ho dato il massimo, quando dai tutto te stesso e poi le scelte le fanno gli altri non hai problemi”. Qualche curiosità, anche, per il capitano: “Capelli bianchi? Sì dai, qualcuno ce n’è, anche più di uno”, confessa ridendo, “Il calciatore più piacevole da fronteggiare è stato Paolo Maldini. Lo ammiro tantissimo, calciatore e persona straordinaria, in ogni derby sono state sfide stupende”. La Nazionale di Prandelli: “Gli auguro buona fortuna, stasera sicuramente darò uno sguardo all’esordio, Cesare è un grande allenatore e farà bene”.

Infine, qual è stato il regalo più bello? Qui il capitano quasi si commuove e fa capire la sua persona. “Devo dirlo. Quando mia moglie e i miei figli, ieri notte, mi hanno cantato buon compleanno in spagnolo ed italiano. Poi sono venuti tutti insieme ad abbracciarmi. Un momento fantastico”.

[Fabrizio Romano – Fonte: www.fcinternews.it]