Ag. Gazzi: “Alessandro ritiene concluso il suo ciclo a Bari. Andrà via al 99%”

Il Bari chiude per Kopunek (si attende solo l’ufficialità) e lascia la finestra aperta per far volare via Alessandro Gazzi, centrocampista biancorosso oramai deciso ad emigrare altrove. Questo, almeno, quanto dichiarato in esclusiva ai nostri microfoni dall’agente del numero quattordici del galletto, desideroso di nuove avventure per la sua carriera da professionista.

Spente sul nascere, quindi, le speranze dei tifosi, che nelle ultime ore, alla luce del brusco stop che hanno subito le trattative con le squadre interessate al mediano, avevavo cullato il sogno di godere delle prestazioni di Gazzi  anche per il prossimo futuro. Il giocatore ha deciso, invece, di cambiare casacca, e non ha precluso la possibilità di giocare anche in B, ma con una squadra diversa da quella biancorossa. La conferma, come anticipato, è arrivata dal suo procuratore, Fulvio Marrucco: “Ci tengo molto a fare chiarezza su questa situazione: Gazzi è un professionista serio, ed è molto legato alla piazza barese, ma ha deciso di lasciare la squadra, ritenendo concluso il suo ciclo in biancorosso. Con la società è stato tutto da tempo definito: lasceremo Bari alla ricerca di nuovi ed improtanti progetti, come quello che Alessandro sposò quando tornò in B col Bari, riportato in A e con cui si è concluso un percorso”.

Sig. Marrucco, possiamo quindi stare certi che, sino a fine agosto, Gazzi lascerà la Puglia… “Si, al 99% si”.

Destinazione gradita dal giocatore, un club di serie A. In cadetteria, secondo alcune sue dichirazioni, giocherebbe solo con il galletto… “Assolutamente no. Chiariamo anche questo aspetto. Secondo me le sue dichiarazioni sono sempre state un po manipolate: lui non ha mai detto di non voler giocare in B, ma ha semplicemente espresso la volontà di cambiare, per il bene della sua carriera. Non importa la categoria, ma il progetto. Alla società abbiamo dato libertà d’azione affinchè trovi l’offerta più congeniale alle le sue necessità. Poi, quando ci verrà prospettata, ci siederemo ad un tavolo e valuteremo serenamente”.

Quindi, la possibilità che vada a Torino è molto più di un ipotesi... “Torino, Chievo, ecc…, non importa. La cosa che conta è il progetto che ci viene sottoposto”.

[Andrea Di Palo Fonte: www.tuttobari.com]