Andrej Galabinov. “Vestire la maglia del Genoa è sempre un onore”

Andrej Galabinov. "Vestire la maglia del Genoa è sempre un onore"

L’attaccante bulgaro è voluto rimanere a Genova nonostante le richieste di mercato ed è molto contento della sua scelta. Felice anche dei tre punti conquistati all’Olimpico contro la Lazio ma altrettanto convinto che ora si deve guardare avanti. A cominciare dalla sfida di domenica a Verona contro il Chievo

GENOVA – A margine della presentazione della nuova piattaforma digitale del Genoa, Andrej Galabinov ha fatto il punto della sua esperienza in rossoblu. Classe 1988, arrivato a Genova la scorsa estate, a dicembre sembrava sul punto di fare le valige. Poi è arrivato il gol decisivo contro il Sassuolo, prima della sosta invernale, e qualcosa è cambiato. L’attaccante ha dichiarato di essere stato messo a conoscenza che c’erano delle richieste di mercato per lui ma di essere voluto rimanere al Genoa. E, soprattutto, di essere molto contento di aver fatto questa scelta. “Per me vestire la maglia del Genoa è sempre un onore”. 

Archiviata la pratica Lazio, si pensa al Chievo

Archiviata la partita vittoriosa dell’Olimpico contro la Lazio, si guarda avanti. “Sono stati tre punti importantissimi – ha detto Galabinov- perché ci hanno fatto salire molto in classifica. Abbiamo superato anche il Chievo, siamo staccati dalla zona pericolosa. Dobbiamo continuare a scendere in campo con la stessa cattiveria e la stessa determinazione al fine di raggiungere la tranquillità il prima possibile. Confidando nel gruppo, che è la cosa più importante che c’è in questo momento”.

Un pronostico per la trasferta di Verona? “Penso che contro il Chievo sarà una partita più difficile rispetto alla gara con la Lazio”, ha dichiarato il bulgaro.