As Bari, pericolo sventato: ora il pensiero torna alla trattativa per la cessione, sempre che…

298 0

Sospiro di sollievo. L’As Bari Calcio Spa, grazie all’intervento in extremis della Banca Apulia e della Matarrese Spa, è riuscita a pagare gli emolumenti a giocatori e dipendenti. Dopo il flop del 30 settembre scorso, dunque, il sodalizio biancorosso è riuscito nell’impresa di saldare il suo debito (circa 4.5 ml di euro), non incappando così in ulteriori, e deleterie, penalizzazioni.

Bene, anzi benissimo. Il rischio di dover perdere altro terreno in classifica, è stato sventato. I meriti, tutti della proprietà, che con quest’ultimo sforzo, ha voluto regalare l’ultima botta di serenità al suo giocattolo, messo in vendita da tempo e di cui, da settimane, si sta trattando la cessione con la Meleam Group Spa.

Questo, da oggi in poi, tornerà ad essere l’argomento principe dalle parti di strada Torrebella. Dopo i primi botti della scorsa settimana, in cui è stata avviata, non senza difficoltà, la famosa due diligence, le parti dovrebbero riprendere già oggi la loro conversazione. Il tempo stringe, e la famiglia Matarrese non ha alcuna intenzione di concedere tempo infinito alla società con sede a Bitonto. Che lavora, h24, per vederci chiaro e decifrare, attraverso la documentazione in proprio possesso, la salute finanziaria del club.

Non ci si illuda, però, di avere risposte ufficiali nelle prossime ore. I potenziali acquirenti, seppur in maniera velata e poco diretta, hanno già lasciato intendere che, il sacrificio economico necessario all’acquisizione del Bari Calcio, va ben oltre quelle che erano le più nere aspettative. E’ oggettivamente difficile, quasi anti-economico, comprare oggi il club barese, violentato da debiti e perdite che nessuno, sino a qualche tempo fa, avrebbe mai immaginato. Tantè che ci sono, e con questa poco edificante situazione bisognerà fare i conti.

Riuscirà la Meleam a subentrare ai Matarrese? Riuscirà, vorrà, la società bitontina, farsi davvero carico delle ferite e del futuro prossimo del galletto? Staremo a vedere…

[Andrea Dipalo – Fonte: www.tuttobari.com]