Bari, Stojan: “Mi sento sempre più importante pur non essendo titolare”

109

È una delle note liete del disastrato Bari 2011/2012: Adrian Stojan, vent’anni, si sta rivelando un valore aggiunto e, dopo la splendida doppietta di Brescia, anche con Vicenza e Gubbio si è mosso alla grande. I tifosi hanno  mugugnato per la decisione di Torrente di sostituirlo anzitempo nell’ultima partita, ma il talento scuola Roma ha spiegato l’accaduto: “Avevo problemi ad entrambi i polpacci, specialmente il sinistro e il mister mi ha cambiato perché sentivo dolore. Rimanendo in campo avremmo giocato in 9, visto che Polenta era già stato espulso”.

Vincenzo Torrente lo sta elevando a titolare fisso, ma il rumeno resta con i piedi per terra: “Non sono un titolare, ma pian piano mi sento sempre più importante rispetto a quando sono arrivato. Provo ad allenarmi con serietà e a seguire l’esempio dei calciatori più esperti. In campo Donati, Garofalo, Castillo corrono a destra e sinistra, io sono più giovane e devo correre il doppio”.

Il suo futuro in Puglia dipenderà molto da questi ultimi mesi: “Se mi riscatteranno – spiega il giocatore – vuol dire che hanno un progetto serio per i prossimi anni e comunque dovrò meritarmelo”.

Una chiosa finale sulla situazione del Bari: “Con il gioco mostrato nel girone d’andata e una maggiore concentrazione faremo bene. Ora devono parlare i risultati, siamo forti!”

[Davide Capogrossi – Fonte: www.tuttobari.com]

Articoli correlati