Cassano già infiamma il prossimo calciomercato. La Juve lo vuole, ma un altro grande club potrebbe averlo con un gioco di prestigio. Tutti i segreti della clausola rescissoria che fa tremare la Samp

280

Tutto lascia credere che, nei prossimi mesi, Antonio Cassano sarà il protagonista indiscusso di una delle più appassionanti ed intriganti storie di calciomercato. Il fantasista blucerchiato, dal viso gibboso ed i piedi levigati, rischia di infiammare già dai prossimi giorni gli animi di una decina di milioni di tifosi che lo vorrebbero vedere indossare, in futuro, la maglia della loro squadra del cuore.

Tutta la vicenda ruota intorno ad una scrittura aggiuntiva al contratto federale, redatta sugli appositi moduli e regolarmente depositata in Lega. Un accordo ottenuto dall’agente di Cassano, l’Avvocato Bozzo, con abilità pari all’ottimismo, al momento in cui Fantantonio si trasferì a titolo definitivo dal Real Madrid alla Sampdoria. “Avvocato, ma a che serve questa clausola? Tanto, mai più, nessuno spenderà tanti milioni per me!” sentenziò Antonio, quando Beppe Bozzo, con apparente incoscienza, trasformatasi, oggi, in lungimiranza, chiese ed ottenne dalla Samp una clausola unilaterale di rescissione del contratto per l’importo di 20 milioni di euro (di cui 5 sarebbero da girare al Real, titolare di una royalty sulla futura vendita del calciatore). “Scriviamola, scriviamola…” replicò l’avvocato Bozzo a Cassano, con professionalità, ma anche con calma ed incrollabile fede nel progressivo riscatto del talento barese. Ci voleva coraggio a scrivere una cifra del genere per Cassano che, fino ad allora, aveva fatto maledire alla Famiglia Sensi i 50 miliardi di lire spesi 10 anni prima dalla Roma, per prelevarlo, ancora bambino, dal Bari.

Oggi, quella clausola, che sembrava soltanto un ulteriore perdita di tempo della già lunga trattativa di riscatto del calciatore dal Real, rischia di diventare una spada di Damocle che incomberà fino alla prossima estate sul capo di dirigenti e tifosi della Samp.

Il progressivo processo di maturazione dell’uomo e dello sposo ed imminente papà, il suo indiscusso talento, esondato negli ultimi tempi, anche in Nazionale, rendono Cassano uno dei pezzi più pregiati del mercato europeo. Soprattutto ora che si sa che il prezzo massimo da pagare per averlo è di 20 milioni di euro. Una cifra ragguardevole, ma anche tutto sommato accessibile per uno dei pochi grandi fuoriclasse che ci sono in giro.

La Juventus, già ci ha tentato prima del rifiuto Di Natale, ma Marotta non intendeva pagare l’intera clausola che, invece, la Samp ritiene una cifra penalizzante.

Dopo la maestosa prestazione di Cassano, domenica scorsa all’Olimpico, sotto gli occhi di Delneri, Marotta e degli incantati tifosi juventini, i dirigenti bianconeri vogliono recuperare il tempo perduto. Desirerebbero chiudere a gennaio, ma non se ne farà nulla. Come si sa, le clausole rescissorie possono essere azionate soltanto a stagione conclusa e la Samp non ha nessun vantaggio, nè tantomeno intenzione, di cedere un calciatore così determinante a stagione in corso. A ciò si aggiunga pure che, a gennaio, anche Cassano sarebbe restio a muoversi, mentre a Torino c’è ancora Del Piero. I lavori in corso sul triangolo Marotta-Bozzo-Cassano, riguardano, giocoforza, la prossima estate.

Fino ad allora, però, mentre si tratta, si tira sull’ingaggio e si chiacchiera, come di solito si fa su una trattativa di questa portata, il mercato non dorme ed una preda come Cassano, può sparire in un baleno se non si hanno antenne dritte e la penna che scorre veloce sui preliminari di contratto.

A tal proposito è da seguire con grande interesse il tormentone in corso al Milan sul rinnovo di Ronaldinho. Se, entro gennaio, l’accordo non dovesse ancora trovarsi per l’esuberanti pretese del Gaucho, anche Berlusconi e Galliani correrebbero a bussare alla porta dello Studio Legale Bozzo. A quel punto, i due leader rossoneri, si troverebbero a fare due conti e si accorgerebbero, con grande sorpresa, che con il risparmio di ingaggio fra Ronaldinho e Cassano, si pagherebbe gran parte della clausola rescissoria. Lo scambio sarebbe quindi quasi gratuito. Tra i due fuoriclasse chi preferirebbero Allegri ed i tifosi del Milan? Intanto, Cassano, un piede negli studi di Mediaset, ce l’ha già messo, per andare in trasmissione… E’ un segnale? Ne parleremo nelle prossime settimane.

[Pierpaolo Marino – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]