Contro l’Udinese d’acciaio serve un Napoli magico

232 0

Napoli-Udinese non è mai una partita come le altre. Oggi sfidare la squadra di Guidolin significa affrontare la capolista, sempre più a suo agio là su in classifica insieme alla Juve, l’altra signora in bianconero. E’ d’acciaio l’Udinese. Cambiano i giocatori, ma la tempra non si scalfisce, è inossidabile. Anche senza il suo goleador partenopeo, Totò Di Natale, la formazione di Guidolin fa paura. L’anno scorso il Napoli se la vide con un’ Udinese priva dei suoi gioielli più forti, la premiata ditta  Di Natale-Sanchez. E non andò bene: l’Udinese vinse al San Paolo con i gol di Inler e dell’ ex Denis, mentre il gol di Mascara al 90′ illuse le folli speranze dei tifosi azzurri.

L’Udinese è una squadra “tosta”, cambiano i fattori, ma il risultato non cambia. Sanchez, El Niño maravilla, è volato alla corte di Guardiola con il Barcellona, ma la sua assenza l’Udinese l’ha attutita senza troppi traumi. Di Natale continua a fare gol. L’anno scorso ha soffiato per poco il titolo di capocannoniere al matador Cavani. L’attaccante dell’Udinese ha segnato 28 reti, mentre nel 2009/2010 ne segnò 29. Il Napoli non vince in casa contro l’Udinese dal campionato 2007/2008 quando dopo un autogol di Zapata e Lavezzi andò a segno due volte. Quel Napoli-Udinese finì 3-1. E magari sarà proprio il Pocho a segnare ritrovando quel gol che gli manca da molto tempo. Inler invece sarà il grande ex della partita.

Ma i riflettori saranno puntati sugli allenatori. Mazzarri e Guidolin, il 3-4-3 contro il 3-5-2. Moduli a parte loro, più di chiunque altro in campionato, hanno dimostrato di saper motivare i propri campioni, sanno fare gruppo e raggiungere obiettivi importanti.  Sempre pronti a farsi coccolare e portare in trionfo dai loro ragazzi, se l’occasione lo richiede.

L’anno scorso Guidolin a fine campionato dopo aver centrato l’obiettivo Champions, si mise a ballare alla Michael Jackson. Non è ancora tempo per far festa, ma battere l’Udinese in casa per il Napoli potrebbe significare mettere in cassa tre punti pesanti che contro la squadra friuliana valgono quasi il doppio.

[Luisa Baiano – Fonte: www.tuttonapoli.net]