Spalletti: “Contento del risultato. Sapevo che sarebbe stata difficile”

448

Il tecnico giallorosso si è detto contento del risultato

ROMA – Al termine della partita contro il Cesena, che ha decretato il passaggio della Roma alle semifinali di Coppa Italia, Luciano Spalletti, allenatore dei giallorossi, ha analizzato la gara. Il tecnico si è detto contento del risultato. Sapeva che sarebbe stata una partita difficile.

Che i romagnoli si sarebbero giocati la partita della vita. Quanto al gioco, secondo lui è normale che partite così importanti finiscano per essere come quella di stasera. Spalletti ha detto di aver provato in questi giorni a cambiare l’aria di avvicinamento alla gara.

Di aver cercato di far scendere in campo una formazione di tutto rispetto. Pur cambiando molti uomini. Nel primo tempo la sua squadra ha sofferto. Nella ripresa invece è andata meglio, qualcosa si è creato. Ora ci saranno i derby, visto che la Lazio si è qualificata alle semifinali grazie a una grandissima partita.

L’episodio del rigore

L’allenatore è convinto che il rigore ci fosse. Anche quando un arbitro fischia un rigore cosi in favore della squadra avversaria lui si arrabbia Ha voluto evidebziare che la Roma non è avvantaggiata dalle decisioni arbitrali. A volte i rigori vengono assegnati, altre no. Come è successo la scorsa domenica. O durante lo scorso campionato, disputato per metà senza tiri dal dischetto a favore. Eppure alla fine la Roma si è piazzata terza ugualmente.

I singoli

Spalletti ha parlato di alcuni singoli. Ha rilevato quanto Totti sia importante per la Roma. Addirittura lo ha paragonato al Muhammad Ali del calcio, perché tenta sempre il colpo del ko. Su Palmieri e Peres ha etto che davanti fanno sempre bene perché hanno fisicità. Su Perotti che salterà sicuramente la prossima partita per un problema muscolare. Su Salah che è contento che abbia vinto. Anche se avesse perso non sarebbe tornato lo stesso perché avrebbe disputato la finale per il terzo e il quarto posto. Tornerà stanco ma avrà una reazione giusta.