Crotone: serve un miracolo a Torino per sperare nella salvezza

567

Domenica alle ore 15, gli uomini di Nicola scenderanno sul manto dello Juventus Stadium per affrontare i bianconeri e sperare ancora nella salvezza che dista soltanto un punto.

spogliatoi CrotoneCROTONE – “Maturità, t’avessi presa prima” dice Antonello Venditti nel suo capolavoro ‘Notte prima degli esami’. La stessa frase risuona nella mente dei giocatori del Crotone come una nenia. La società calabrese ha infatti avuto un brusco risveglio negli ultimi due mesi che l’hanno catapultata dall’ultimo posto e la matematica retrocessione alla possibilità sempre più viva della salvezza. Dalla gara del 2 aprile con il Chievo è partito un filone di sette risultati utili consecutivi e ben 17 punti conquistati, 8 dei qualicon Inter, Milan, Sampdoria e Torino. “Ah, maledetta maturità, t’avessi presa prima”.

Aggiornamenti dal campo di allenamento

Non arrivano buone notizie dal campo e soprattutto dall’infermeria. Adrian Stoian, ricoverato d’urgenza dopo un malore accusato lo scorso 30 aprile poco prima della partita con il Milan, sta bene. Lo stop improvviso era stato causato da un’infezione virale che però sembra essere stata debellata ottimamente. Tuttavia il giovane attaccante rumeno non potrà far parte del gruppo fino alla fine della stagione in quanto dovrà osservare un periodo di riposo.

Brutte notizie anche da parte di un altro attaccante, questa volta l’italiano Trotta. Ieri infatti il numero 29 calabrese ha saltato la seduta pomeridiana di allenamento a causa di una distorsione alla caviglia da monitorare nelle giornate di oggi e domani. Sarebbe una grave perdita per il Crotone che dovrà fare a meno del convalescente Stoian.

Probabile formazione

Molti dunque ancora i dubbi di formazione di Davide Nicola. Si attende il rientro di Trotta per decidere quale 11 far scendere in campo. Con l’italiano in campo la formazione dovrebbe essere questa:  Cordaz in porta. Difesa a 4 con Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella. Rodhen e Nalini sulle fasce del centrocampo con al centro Crisetig e uno fra Barberis e Capezzi. In attacco la coppia Falcinelli-Trotta