Curci: “Mio unico desiderio è che mi riscatti la Sampdoria”

Arrivato a Genova con l’eredità molto pesante di non far rimpiangere il partente Storari, Gianluca Curci ha saputo conquistarsi sul campo la fiducia dei suoi nuovi tifosi a suon di parate decisive e prestazioni al di sopra della sufficienza.

L’errore di Brescia è soltanto uno scivolone, un episodio che in una carriera di un portiere ci può stare, e ciò nonostante il numero 1 doriano, o pardon 85, è entrato velocemente nei cuori di tutti noi sostenitori di questi magici colori.

Intervistato dai taccuini de Il Corriere Mercantile l’estremo difensore, il cui cartellino è in comproprietà con la Roma, ha parlato della sua prima parte di esperienza sotto la Lanterna:

“Le critiche? Sino ad oggi le ho parate insieme alla diffidenza di qualcuno. Ma la stagione è ancora lunga, speriamo di continuare su questa strada. Da parte mia lavoro ogni giorno per cercare di migliorare partita dopo partita.

Il mio unico desiderio è che mi riscatti la Sampdoria. Sono grato alla società per aver creduto in me. Mi trovo bene nell’ambiente e nella città, spero il mio futuro sia qui.

Non penso a chi mi ha preceduto, so che questa stagione può rappresentare molto per la mia carriera. Devo dimostrare di meritare questa maglia e cercherò di farlo sul campo. La Sampdoria ha creduto in me, investendo in maniera significativa e voglio ripagarne la fiducia.

Io antidivo? Io sono questo. Magari sono un po’ matto in altri contesti. La Sud mi ha subito adottato? Ringrazio sempre tutti i tifosi per il grande affetto, il loro sostegno è per tutti noi importantissimo. Con il loro tifo alle spalle mi sento più sicuro, senza parlare della grande carica che ti trasmettono”.

[Andrea Piras – Fonte: www.sampdorianews.net]