Delio Rossi: “Questo è un mattone importante, ma per ora non abbiamo ancora in mano nulla”

Un inizio lampo, un momento di difficoltà e poi la ripresa nel secondo tempo. Si può dividere così la Sampdoria vista in campo contro il Bologna e Delio Rossi, in sala stampa dopo la gara, delinea la sua analisi dell’incontro, con un altro punto importante conquistato in chiave salvezza. “Per dieci minuti abbiamo giocato molto ma molto bene, arrivando in maniera fluida in area avversaria e sbagliando occasioni ghiotte. Alla prima occasione loro abbiamo però subito gol e perso i punti di riferimento – spiega Rossi ai microfoni di Primocanale -. Nella ripresa abbiamo raddrizzato la partita con personalità e forse c’era anche la possibilità di fare qualcosa in più. Comunque accettiamo il verdetto del campo: una volta finita la partita non si può più cambiare”.

La salvezza e la tanto agognata quota 40 punti è ora distante due sole lunghezze, ma il mister predica calma e spiega con pacatezza: “Noi circa 2-3 mesi fa abbiamo iniziato un lavoro che ora vogliamo portare a termine. Nel calcio non esistono tappe intermedie: o arrivi o non arrivi. E la nostra conclusione ci sarà quando avremo la certezza di rimanere in Serie A. Mi auguro che arrivi il prima possibile. Questo è un mattone importante, ma per ora non abbiamo ancora in mano nulla”.

Maxi Lopez è entrato molto bene, soprattutto dal punto di vista fisico. Sta molto meglio e le sue qualità tecniche non sono mai state messe in discussione. Lui avrebbe bisogno di giocare per entrare in condizione, ma io devo anche vedere di portar a casa la pelle – conclude il mister descrivendo la prova dell’argentino -. Comunque sono contento: queste ultime partite, unite alle defezioni fisiche e alle squalifiche, mi daranno la possibilità di vedere anche i giocatori che stanno giocando meno. Come ho già detto, a nessuno interessa se hai fatto bene il girone d’andata: negli occhi della gente rimangono impresse soprattutto le ultime partite e per noi queste saranno chance importanti per meritarci la riconferma”.

[Stefano Orengo – Fonte: www.sampdorianews.net]