Di Biagio lascia l’Under 21: “Mi dimetto ma non è un fallimento”

105

Di Biagio lascia l'Under 21: "Mi dimetto ma non è un fallimento"

Le parole dell’ormai ex allenatore dell’Italia Under 21 nella conferenza stampa di questa mattina, fatale l’eliminazione alla fase a gironi.

BOLOGNA – Gigi Di Biagio non è più l’allenatore dell’Under 21. La notizia era nell’aria all’indomani dell’inutile vittoria contro il Belgio, oggi è stata confermata dal diretto interessato attraverso una conferenza stampa. Queste le sue parole: “Bisogna scindere i risultati di questi anni da quello che è successo in questo Europeo. Direi che è stato fatto un ottimo lavoro: abbiamo fatto crescere tanti ragazzi, siamo stati competitivi con tante squadre forti, tanti ragazzi sono andati in Nazionale A. Poi ci sono le note dolenti, perché il risultato non è positivo ma non è un fallimento per me. Ora non sarò più l’allenatore dell’Under 21. Ringrazio tutti, dai dirigenti a Maurizio Viscidi”.

Rimpianti? Di Biagio risponde così: “La colpa è solo nostra, senza cercare alibi. Il responsabile principale sono io e i ragazzi con me. Però chi dice che non abbiamo gioco e non corriamo è in malafede. Abbiamo fatto più tiri, siamo stati più pericolosi degli altri. Se la Romania avesse vinto mi avreste detto altre cose… Problemi in squadra? Anche Zaniolo e Kean mi hanno dato qualcosa, forse meno degli altri 4 che ho prelevato dall’Italia di Mancini ma non mi sento di rimproverarli. Qualcuno dimentica che abbiamo dovuto fare dei prestiti all’Under 20 per il Mondiale. Noi abbiamo 40-50 giocatori che girano tra U19, U20 e U21. Con le Under siamo andati ben oltre le aspettative”.

E infine la chiosa sul suo futuro: “Sono sul mercato. Club di Serie A e Serie B mi hanno cercato ma per rispetto della Federazione ho sempre detto di no. Grazie alla crescita di questi anni mi sento pronto per nuove sfide. Avrei lasciato comunque. Non mi sentivo più stimolato al 99,9%: avrei lasciato forse uno spiraglio per fare i Giochi”. 

Articoli correlati