Di Carlo: “Per quello che abbiamo fatto mancano 2 o 3 punti alla nostra classifica”

A due giorni dalla sfida contro il Lecce, parla l’allenatore della Samp Mimmo Di Carlo. Anche questa volta a Sampdorianews.net era presente per voi.

Mister, vista la settimana diciamo “normale”, ha lavorato su qualche aspetto in particolare?
“La settimana di lavoro ci serve per preparare meglio, sia a livello di lavoro fisico sia quello riguardante le situazioni tecnico tattiche. I ragazzi hanno lavorato bene, sono carichi, sanno di avere davanti una partita importante ma difficile. Sono consapevoli comunque di avere i valori e la voglia per far bene contro il Lecce. Sotto l’aspetto dell’atteggiamento e del lavoro fatto sino ad oggi, la squadra ha dimostrato che sta bene ed ha grande voglia di far qualcosa di più di quello fatto ultimamente.”

Pensa di cambiare qualcosa rispetto alle ultime partite e mi riferisco sia al modulo sia ai giocatori?
“Bisogna innanzitutto vedere tra oggi e domani come starà Palombo. Abbiamo ancora due allenamenti a disposizione per capire se sarà della partita o no. A parte questo, la squadra mi piace quando lavora così. Ho fatto i complimenti ai ragazzi perchè stiamo dando continuità al lavoro cominciato ad inizio anno. Continuità significa, in settimane come questa, andare a curare i particolari e probabilmente la domenica qualche beneficio si vede. Tutti ci aspettiamo quel guizzo dalla squadra che le permette di poter giocare in ripartenza anche fuori casa. Importante è che gli attaccanti come Pazzini, un giocatore straordinario, insieme a Pozzi e a Marilungo continuino a dare equilibrio alla squadra e noi dobbiamo essere bravi come squadra a dargli qualche soluzione in più in avanti.”

Cosa è mancato alla Samp in questo ultimo periodo?
“Per le tante partite a volte può venire meno la continuità dell’intensità. La squadra però è sempre stata in partita, ha sempre avuto un grande equilibrio ed è sempre stata convinta. Qualchevolta si è lasciato qualche spazio di troppo agli avversari che qualche difficoltà la creano. La strada però è quella giusta. Dobbiamo trovare continuità e quella fiducia che qualcuno ha messo in discussione, io sono molto fiducioso. Per quello che abbiamo fatto mancano 2 o 3 punti alla nostra classifica.”

Dal punto di vista tecnico, vista la probabile assenza definitiva di Cassano, avete già parlato del mercato di gennaio x rinforzare la rosa a livello di qualità?
“Adesso è ancora presto per parlare di queste cose. Sappiamo che dobbiamo fare 7 partite da qui a Dicembre, comprese le 2 in coppa, alle quali teniamo tantissimo, e siamo consapevoli di dover fare il massimo per trovare più intesa possibile a livello offensivo. Questo si ottiene solo lavorando sul campo. I valori del gruppo verranno fuori continuando a giocare a forte intensità.”

Ritiene la partita con il Lecce, tra queste 7, la più semplice?
“ Mi sembra azzardato dire facile. La cosa importante è che l’atteggiamento della squadra sia sempre quello giusto e propositivo. Sappiamo di andare in un campo dove il Lecce sta construendo la sua salvezza. Noi però vogliamo ottenere punti importanti.”

Come tipo di gioco, Marilungo può fare il Cassano?
“Ci sono pochi giocatori con le qualità di Cassano in Italia. Però Marilungo, così come Pozzi, hanno caratteristiche diverse che noi dobbiamo imparare a sfruttare al meglio. Noi eravamo abituati a Pazzini-Cassano mentre ora stiamo lavorando sulle caratteristiche degli altri 2 per cercare di avere una manovra più fluida e un po’ più di velocità. Glia attaccanti devono star sereni, lavorare per la squadra perchè il goal arriverà solo in questo modo. Bisogna aver fiducia in loro perchè quando arrieranno i loro goal, ci faranno vincere tante partite.”

Com’è la situazione infortunati?
“A parte Palombo di cui abbiamo già detto, Semioli progressivamente sta migliorando sempre più. Aspettiamo la settimana prossima per capire a che punto è arrivato. Padalino è una distorsione e dunque starà fuori per un po’ di tempo. Zauri ieri ha fatto una visita e ora ci dirà il dottore quanto dovrà stare fuori”.

[Matteo Boero – Fonte: www.sampdorianews.net]