Fiorentina: la prima cosa bella

237

La prima gioia di (e per) Mihajlovic è arrivata alla quinta giornata. E ci voleva proprio dopo i problemi di inizio stagione, la contestazione dei tifosi e una striscia di non-vittorie che era arrivata a numeri record. Volendo continuare con le citazioni, sarebbe assolutamente perfetto, se non fosse troppo volgare da riportare, il “Non è ancora il momento di cominciare a farci i…” di Mr. Wolf, al secolo Harvey Keitel: chi ha visto Pulp Fiction credo non possa che concordare. Perchè la Fiorentina di ieri non si può dire che abbia entusiasmato, giocato un calcio spettacolare e mostrato una fluidità di manovra da applausi.

Nè si può pensare che la vittoria di ieri abbia risolto i difetti e le lacune della squadra viola. Ma intanto il primo mattone è stato posato e da qui si può ripartire. E pensando a quello che i viola avevano combinato pochi giorni fa contro Lecce e Lazio, o anche al pareggio strappato per il rotto della cuffia (leggi Frey) appena 5 giorni fa, allora i progressi della banda-Mihajlovic sono davvero confortanti. Una difesa solida come non si vedeva da tempo, un centrocampo equilibrato ed un attacco che si accende, seppur a sprazzi. E se tanto mi dà tanto col Palermo potrebbe esserci da divertirsi…

[Simone Bargellini – Fonte: www.violanews.com]

Articoli correlati