Si é svolto a Milano il Fisi Opening 2022: ecco come é andata

57
Armani
Foto FISI

Presso Armani/Teatro presentate la nuova collezione EA7 Emporio Armani e la Vaòl Garena, candidata al Mondiale di sci alpino del 2029

MILANO – Si è tenuto a Milano presso Armani/Teatro il tradizionale appuntamento con “Fisi Opening”, la giornata che segna l’inizio della nuova stagione per la Federazione Italiana Sport Invernali. Tante le novità presentate, a partire dalla nuova collezione EA7 Emporio Armani, nuovo Official Technical Outfitter delle discipline FISI, alla presenza del Direttore Generale del Gruppo Armani il Dottor. Giuseppe Marsocci.

Si è presentata anche la Val Gardena, candidata per i Mondiali di sci alpino del 2029 ed è stata lanciata la nuova partnership relativa al settore medicale con il Gruppo San Donato. Presente anche il Ministro del Turismo On. Massimo Garavaglia che ha annunciato il duplice accordo tra il dicastero e la Federazione che prevede l’investimento di sei milioni di euro, per il rilancio dell’immagine turistica delle montagne italiane attraverso lo sport.

Alla giornata hanno presenziato i più grandi campioni degli sport invernali: Sofia Goggia, Federica Brignone, Dominik Paris, Nadia Delago, Dorothea Wierer, Federico Pellegrino, Michela Moioli, Omar Visintin e Dominik Fischnaller fra gli altri.

Con una scenografia scintillante son state svelate le nuove divise degli atleti azzurri che accompagneranno le nostre squadre per la prossima stagione e fino al 2026.

È stata una giornata particolarmente importante – ha detto il Presidente della FISI Flavio Roda sia per la sede prestigiosa che il Gruppo Armani ci ha gentilmente messo a disposizione, sia per i contenuti che lasciano capire quanto sia importante la crescita della federazione nelle ultime stagioni. La maggior presenza nelle federazioni internazionali, il crescente numero di gare di Coppa del mondo in Italia, il bilancio federale che è arrivato a sfiorare i quaranta milioni di euro sono chiare indicazioni che la federazione è in salute e che ora bisogna lavorare per crescere ulteriormente. L’obiettivo è quello con le Olimpiadi italiane del 2026, ma certamente ogni anno ci sono traguardi importanti da centrare senza dimenticare la crescita dei più giovani, per assicurare la continuità nei risultati”.

Dal 2018 al 2022, gli atleti italiani hanno saputo conquistare 65 Coppe del mondo in 12 discipline diverse per un numero totale di podi pari a 794. Solo nell’ultimo anno gli juniores hanno vinto 30 medaglie mondiali in dieci discipline.