Francia, il Senato boccia la ripresa di Ligue 1 e Ligue 2

167

UFFICIALE: Ligue 1 sospesa definitivamente, il calcio francese si ferma

Il Senato francese ha appena bocciato la ripresa dei campionati decretando una nuova sconfitta per il presidente del Lione Aulas.

PARIGI – Nulla dare fare, il calcio francese non riprenderà prima di settembre. Lo ha stabilito il Senato bocciando la ripresa di Ligue 1 e Ligue 2, fortemente valuta dal presidente del Lione Aulas che guida il fronte della ripresa. Lo riportato l’ANSA spiegando che l’emendamento, firmato da 72 senatori, proponeva di lasciare alle Leghe la scelta di autorizzare la ripresa delle competizioni dopo il parare del comitato scientifico e secondo un protocollo sanitario adattato. Queste le parole del Patron del Lione: “Più di 60 senatori hanno firmato questo emendamento. Il lato anticostituzionale di questa legge sarà denunciato”.

Sulla questione si è espressa anche la ministra dello Sport, Roxana Maracineanu. Queste le sue parole: “Il Senato ha votato il dispositivo portato da governo per approvare le decisioni della Federazione e delle Leghe di fronte alla crisi sanitaria. Sono felice che l’emendamento che avrebbe riaperto il dibattito sulla fine del campionato non sia stato adottato”.  Nel frattempo, la Federcalcio transalpina ha rigettato la proposta di una seconda divisione a 22 squadre. Il comitato esecutivo della FFF ha votato, secondo quanto riportato da L’Equipe, contro la decisione dell’assemblea generale della Professional Football League (LFP) del 20 maggio di passare la prossima stagione in 22 squadre in Ligue 2. La seconda divisione francese rimane quindi a 20 club con Le Mans e Orléans che retrocedono. Il comitato esecutivo della FFF ha ritenuto che il passaggio a 22 squadre nella Ligue 2 era contrario all’interesse del calcio francese.

Articoli correlati