Il futuro è a gennaio: ecco come l’Inter può sfruttare il tesoretto

Circa 50 milioni di euro: a questo ammonta il tesoretto dell’Inter dopo la chiusura del mercato estivo, che non ha registrato investimenti di rilievo dal punto di vista dei giocatori in entrata. Un budget tenuto in caldo, per valutare i primi 55 mesi di Inter di Rafa Benitez, e che verrà in parte impiegato qualora se ne sentisse la necessità, in base alle indicazioni del tecnico. Questa la strategia del club, che ha confermato di non voler acquistare solo per accontentare la piazza o rispondere ai colpi delle rivali. A gennaio, se dal punto di vista tecnico, una volta che la squadra avrà raggiunto il livello necessario di condizione, il tecnico sottoporrà alla dirigenza questioni che richiedono interventi sul mercato, l’Inter si muoverà per accontentarlo.

Al 31 agosto non sono arrivati nuovi giocatori, ma tante buone indicazioni proprio in vista della sessione invernale. Tra i nomi caldi: Kwadwo Asamoah, Andrea Poli e Luca Antonelli. Tre giovani che bene si integrerebbero con il gruppo e con l’idea del club di puntare sul futuro.

Per quanto riguarda il centrocampista dell’Udinese, a svelare l’interesse rinnovato dell’Inter è stato il suo agente, Claudio Vagheggi, che in esclusiva per FcInterNews.it ha rivelto di avere un discorso aperto con Branca, con il quale ha rinviato tutto all’inizio del 2011 quando ci saranno i tempi tecnici per dar vita a una trattativa con i friulani. Su Poli, come rivelato dal d.s. della Sampdoria Gasparin, è vivissimo l’interesse di entrambe le milanesi, con i nerazzurri che avrebbero persino cercato di strappare il baby centrocampista ai blucerchiati già entro questa sessione. Infine, Antonelli, destinato una settimana fa all’Inter e poi trattenuto dal presidente del Parma dal presidente Ghirardi. Il discorso non è finito di sicuro, ma posticipato, perché l’Inter crede ciecamente in questo esterno sinistro e vuole acquistarlo per avere un’alternativa nel ruolo.

Se Benitez chiedesse dei rinforzi a gennaio, dunque, la società avrebbe già pronte delle carte di rilievo, giovani e con fame di calcio ai grandi livelli. Inoltre, in aggiunta al plusvalore che darebbero dal punto di vista tecnico, sarebbero in linea con la a scelta dell’Inter di costruire la squadra del futuro, senza spendere una marea di denaro per nomi già affermati. Una strategia confermata dagli arrivi di Coutinho, Mariga e Biabiany per la rosa principale, da quello di Ranocchia tra un anno e da quelli dei vari Faraoni, Benedetti e Serrano per la Primavera. Difficile, pertanto, sperare per gennaio l’arrivo di un grande nome come quelli sognati fino a due giorni fa. Se i big infatti non si muovono nelle ultime ore di mercato, è ancora più complicato fargli cambiare maglia a stagione in corso. E l’Inter non sembra neanche interessata a provarci…

[Fabrizio Costantino – Fonte: www.fcinternews.it]