Intervista a Giaccherini

E domenica sarà derby. A Tuttomercatoweb in vista di Cesena-Bologna, partita in programma per la quindicesima giornata del campionato di serie A, parla l’attaccante bianconero Emanuele Giaccherini il quale tiene a precisare, in riferimento ad alcune sue dichiarazioni apparse dopo la partita persa dalla sua squadra contro il Palermo, di non avere alcun problema con il suo allenatore.

Giaccherini, domenica affrontate il Bologna: che partita sarà?
“Sarà una partita tatticamente molto attenta, magari un episodio fin dal primo minuto può cambiare tutto. Però giochiamo in casa, saremo diversi rispetto al Cesena visto a Bari nel primo tempo. Affronteremo il Bologna senza paura, perché vincendo possiamo dare una svolta al campionato. Cercheremo di far male all’avversario, se vinceremo contro i rossoblù, quello ottenuto al San Nicola sarà stato un punto importante. E’ una partita che i tifosi aspettano per tutto l’anno, vincere sarebbe importante”

Dopo il pareggio contro il Bari, come sta il Cesena?
“Siamo alla pari con cinque – sei squadre. Ce la giocheremo con Brescia, Lecce, Bologna, Bari e Parma anche se i gialloblù li vedo un po’ più su. Per quello che abbiamo fatto vedere, almeno quattordici – quindici punti avremmo potuto averli. Contro la Sampdoria abbiamo perso in extremis e fatto una grande partita, e contro il Palermo per quello che abbiamo fatto vedere in campionato avremmo meritato il pari. I punti che abbiamo li meritiamo, mentre qualcuno lo abbiamo perso come per esempio contro Sampdoria e Palermo: se andiamo a rivedere le partite ci manca qualche punto”.

Soddisfatto del suo rendimento fin adesso?
“Sotto il profilo personale sono contento, anche se avrei potuto fare qualcosa in più per quanto riguarda i gol. Per quanto concerne le prestazioni sono molto contento, ho fatto una decina di partite di livello. Dal mio punto di vista, il gol segnato al Milan è stato, fin adesso, il massimo”.

Crede che il Cesena abbia bisogno di qualche rinforzo o siete già in grado di salvarvi?
“Possiamo salvarci. E’ ovvio che se a gennaio arrivassero un paio di giocatori sarebbe meglio perché ci sarebbe maggiore scelta da parte dell’allenatore e la concorrenza stimola sempre. Ben vengano eventuali nuovi acquisti”.

Dopo la partita persa contro il Palermo sono apparse sue dichiarazioni in cui diceva “io non mi sarei sostituito”. Qualcuno ha ipotizzato delle divergenze con l’allenatore.
“Sono stato frainteso, io sono molto generoso in campo, cerco sempre di dare il massimo per i compagni e la squadra, ho solamente detto che non sarei voluto uscire perché volevo continuare a stare in campo come è logico per ogni calciatore. La mia non era assolutamente una critica al mister con il quale, tengo a precisare, non ho avuto alcuna divergenza, anzi abbiamo un buonissimo rapporto”.

[Alessio Alaimo – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]