#ioleggoperché, le iniziative promosse dalla Serie A nella 13° giornata

57

logoioleggoperche 2022

In occasione della 13ª Giornata della Serie A TIM saranno promosse iniziative per invitare gli appassionati ad acquistare e donare libri alle scuole

MILANO – La Lega Serie A sostiene per il settimo anno consecutivo #ioleggoperché, la campagna dell’Associazione Italiana Editori, in programma da sabato 5 a domenica 13 novembre 2022, per favorire la creazione e lo sviluppo delle biblioteche scolastiche italiane.

In occasione della 13ª Giornata di Campionato, la Lega Serie A promuoverà su tutti i campi della Serie A TIM iniziative per invitare gli appassionati ad acquistare e donare libri alle scuole dei quattro ordinamenti: infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado.

Nel pre-partita, tutti i bambini del cerimoniale di gara avranno con sé un libro. Allo stesso modo anche i Capitani delle squadre scenderanno sul terreno di gioco con in mano un testo che si scambieranno insieme al gagliardetto. Sui maxischermi degli stadi, inoltre, sarà trasmesso il video promozionale della campagna #ioleggoperché, mentre una grafica televisiva dedicata andrà in onda al momento del sorteggio.

“La Lega Serie A sostiene con gioia l`iniziativa #ioleggoperchè – ha dichiarato il Presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini -. La pratica sportiva è fondamentale per aiutare i ragazzi ad avere uno stile di vita sano e a perseguire il rispetto delle regole, come anche per favorire il contrasto alla dispersione scolastica. Così i libri, lo studio e la cultura servono per insegnare ai giovani quei valori necessari a comportarsi sui campi di calcio, come nella vita, in maniera consapevole e corretta. Per questo motivo sport e cultura devono viaggiare insieme nel percorso di crescita e di educazione delle nuove generazioni. Negli stadi in questa giornata vedremo i bambini scendere in campo con in mano un libro: la passione per la lettura va nutrita sin dai primi anni e solo così può aiutare davvero la lotta contro l’analfabetismo. Mi unisco quindi anch`io all`appello di questa splendida iniziativa, invitando tutti, sportivi e non, a recarsi nei prossimi giorni nelle librerie italiane e a dare il nostro contributo per arricchire le biblioteche delle scuole. Ognuno di noi è in parte il risultato delle proprie letture: leggere è fondamentale perché restituisce conoscenza, educazione, cultura, ma anche cura, dedizione e fantasia. Ecco perché lo scambio di libri tra capitani prima della partita rappresenta un messaggio chiaro a favore del dialogo, della inclusione e della pace, contro ogni forma di discriminazione e intolleranza”.