Verso Italia – Austria, le dichiarazioni di Roberto Mancini

49

parete italia logo

Il Commissario Tecnico si detto contento di scendere in campo a Wembley dove chiunque giochi a calcio vorrebbe giocare

ROMA – Mancano poco più si ventiquattro ore all’inizio di Italia – Austria, gara valida per gli ottavi di finale di Euro 2020. Il Commissario Tecnico Roberto Mancini é intervenuto in conferenza stampa  insieme a Leonardo Bonucci per illustrare la partita.

Mancini si é detto di essere contento essere il ct e che vorrebbe continuare a farlo; ha poi ringtaziato i giocatori che sono stati bravi, che lo hanno fatto divertire. Per affrontare l’Austria non ha quasi dubbi di formazione: la squafdra é tranquilla, ci sono giocatori bravi. Chiunque giocherà continuerà a fare quel che ha fatto fino ad oggi.

Mancini ha dichiarato di sentirsi  bene: giocare a Wembley deve essere un piacere. Ci sono giocatori che non ci giocano mai, in uno stadio così è bellissimo dove chiunque giochi a calcio vorrebbe giocare. “Credo serva felicità: serve rispetto per un tempio così, sono sicuro che i ragazzi giocheranno bene domani”.

Mancini ha proseguito dicendo che per lui é un piacere poter contare su giocatori in ottima condizione e mentalmente tranquilli. Quando si fanno delle scelte, undici scelte, gli altri saranno lì pronti a entrare e a cambiare la partita. Due parole su Moise Kean, che il CT considera un grande giocatore per la Nazionale il futuro. Ha qualità enormi che potrà migliorare: gli voglio bene, so che ha qualità e per noi è stato un dispiacere lasciare fuori lui e altri.

Per Mancini l’Austria é un’ottima squadra pertanto sarà una gara dove non dovrà sbagliare nulla; è la bellezza di questi tornei: devi vincere per forza, non puoi fare altro. L’Italia dovrà fare la sua partita, da qui alla fine della quarta, se saremo così bravi. “Il nostro calcio, questo dobbiamo fare”.

Articoli correlati