Juventus: a Torino si respira già aria di “Derby d’Italia”

logo-juventusManca una settimana, nel mezzo c’è un altro giro della giostra delle Nazionali, ma a Torino si respira già aria di “derby d’Italia”.  Se anche uno come Conte, neanche il tempo di tornare dal forum a Nyon con i colleghi europeo, si è concesso ad analizzare il prossimo avversario, quello con cui non è mai stata soltanto una sfida solo sul campo specie di recente, un motivo ci sarà.

«L’Inter? Squadra tosta, che rispecchia il carattere sanguigno del suo allenatore – ha dichiarato il tecnico salentino – Penso a quando io, alla mia prima stagione alla Juve, affrontai il Milan campione e vinsi 2-0 a Torino: fu il match della svolta, lì capimmo che lo Scudetto era alla nostra portata. Ecco, noi dovremo evitare che Mazzarri mi imiti». Il parallelo tra la squadra nerazzurra di oggi e quella bianconera di ieri, del resto, regge: stesso periodo, stessa volontà di cancellare deludenti risultati sportivi, stessa libertà dalle competizioni europee. «Fermiamo la loro voglia di emularci», il comandamento di Conte.

Che, al centro delle fantasie sulla possibile candidatura quale successore di Prandelli, è stato tirato fuori anche da Andrea Agnelli, dopo che lui stesso si era dichiarato «felicissimo a Torino»: «Con Antonio, c’ è piena comunione di intenti – le parole del presidente – Ci siamo già incontrati a casa mia, come sempre, la scorsa settimana: non c’è una questione economica o altro a dividerci. Vogliamo vincere entrambi, le ambizioni coincidono». Così come con il cugino Lapo Elkann, che, in tempo di Gran premio d’Italia, si è spinto in paragoni tra rivali di Juve e Ferrari: «Voglio vedere perdere il blu a Monza e il blu e nero a San Siro – la battuta dell’estroso nipote dell’Avvocato, con chiaro riferimento a Red Bull ed Inter – Speriamo di fare male a entrambi questi avversari».

Non c’è solo il calcio giocato nei pensieri bianconeri. Se la Juve è tornata a vincere, infatti, fondamentale supporto è giugno dalla forza di una società tornata unita e attenta al futuro. Ennesima dimostrazione di ciò, il progetto “Continassa”, il piano di sviluppo immobiliare previsto dell’area adiacente lo Stadium. È giunta l’approvazione del comune di Torino e quindi i lavoro potranno partire a breve. Lavori di riqualificazione urbana che consisterà nella costruzione di un hotel a quattro stelle, di un cinema multiplex, di un concept store (area fitness, centro estetico, area di vendita e centro di ristorazione), nell’allestimento di una nuova sede per la società, e di un training center dove si allenerà la squadra.

Come sempre all’avanguardia, come sempre in stile Juventus.

[Giuseppe Piegari – Fonte: www.goalnews24.it]