Juventus, Higuain: “Ho ancora un anno di contratto, vediamo”

104

Higuain

Le parole dell’attaccante argentino della Juventus nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di Fox Sports.

TORINO – Gonzalo Higuain, attaccante argentino della Juventus, ha rilasciato un’interessante intervista ai microfoni di Fox Sports. Queste le sue parole a cominciare dal suo futuro: “Adesso sto bene, riposo e penso. Il 24 torno ad allenarmi e ho ancora un anno di contratto in Italia. Devo presentarmi qui e vedere cosa succede con il nuovo allenatore. Sicuramente ci saranno dinamiche diverse”.

Messi o Ronaldo? Il Pipita ha risposto così: “Non so se Messi lascerà il Barça e non so cosa stia pensando ora. È una situazione difficile e drammatica in un club dove ha vinto così tante cose. È una domanda per lui e solo lui può dare la risposta. Spero che accada il meglio per lui, ciò che lo rende felice. Giocare con Messi e CR7? Condividono il fuoco interiore di voler rimanere nell’élite del calcio per così tanto tempo. Non è facile. Negli ultimi 15 anni hanno vinto undici Palloni d’Oro e hanno dominato nell’ultimo decennio”.

Sul Napoli e Napoli: “Ora che c’è il coronavirus potrei tornarci indossando la mascherina, tanto nessuno mi riconosce. Non credo che dobbiamo parlare di perdono per un tradimento. Alla fine sono scelte che si fanno in carriera, per migliorare, per essere felici. Bisogna pensare a questo e non mi pento di quel trasferimento. Pensate a quanti giocatori sono passati dal Boca al River, dall’Inter al Milan, come Ronaldo o Pirlo, o dal Barcellona al Real Madrid. Anche mio padre. A Napoli stavo bene, ho fatto il record di gol con 36 in un solo campionato, cantavo e ballavo con loro, poi è arrivata la Juve e che dici no?”.

E, infine, la chiosa sul River Plate: “Non mi manca il calcio argentino, mi piace guardarlo, ma no. Sono partito giovane e oggi l’Argentina dovrebbe aprire gli occhi perché tanti giocatori esitano a tornare, soprattutto per il futuro delle loro famiglie. Molti ora vanno negli Stati Uniti, in Cina. o l’Arabia Saudita con 25 anni. Me ne sono andato solo perché era il Real Madrid”.

Articoli correlati