La Juventus e le strategie di mercato

313

Ultimi trenta giorni di mercato per la Juventus alle prese con le scelte per fornire ad Allegri un’organico in grado di puntare al triplete

Sull’agenda di Beppe Marotta c’è sicuramente la scelta del difensore centrale chiamato a rimpiazzare Leonardo Bonucci. Non sarà facile sia trovarlo sia rimpiazzare il neo difensore del Milan. I centrali attualmente in rosa non forniscono le accurate garanzie.

Rugani non convince del tutto, Barzagli ha le primavere sulle spalle e Chiellini è reduce da una stagione costellata dagli infortuni. Il solo Benatia non basta. La Juve ha dalla sua un tesoretto, in termini di milioni di euro, aumentato notevolmente nel corso degli ultimi anni, anche per le due finali di Champions disputate.

Attacco

Sul fronte punte il futuro di Paulo Dybala sembra ancora sotto la Mole Antoneliana. Insomma la Juve stia tranquilla anche se molto dipenderà dal trittico Psg-Barcellona-Neymar. In caso di cessione del brasiliano potrebbe scattare un effetto domino che vedrebbe coinvolto la punta argentina.

Centrocampo

Un altro reparto che potrebbe subire un ingresso in rosa è il centrocampo. Keita piace ad Allegri per la sua duttilità tattica. La proposta di Marotta è di 18 milioni di euro cui poter eventualmente sommare bonus per avvicinarsi alla richiesta della Lazio. Le due parti si stanno parlando e con la volontà del giocatore di lasciare Roma l’accordo arriverà nei prossimi giorni.

L’offerta presentata è di 20 milioni di euro, si parla di 15 milioni di euro più cinque di bonus ma Lotito, pare, non sentirci ritenendo l’offerta troppo bassa. Il favorito per la mediana rimane il francese Matuidi: serviranno crica 20 milioni per strapparlo al Psg. Matic ha diverse pretendenti tra cui alcune squadre della Premier League. Emre Can ha ancora un anno di contrattto con il Liverpool che non vuole lasciarselo sfuggire in questa sessione di mercato.

Mercato in uscita

Ma la Juventus sta lavorando anche sul fronte cessioni. Il Bologna ha presentato un’offerta per il centrocampista venezuelano Tomas Rincon.

A cura di Paolo Baratto