La resa di Gasperini: “Le difficoltà sono chiare. Moratti? Vedremo, ma io…”

Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Inter, a Sky Sport dopo il crollo di Novara sente la difficoltà della situazione. Ecco le sue parole raccolte da FcInterNews.it: “Non è una serata meravigliosa, tutt’altro. E’ stata una partita bruttissima, pensavamo di poter giocare un po’ di più in maniera offensiva, invece in questo periodo abbiamo sempre fatto brutte figure quando abbiamo tentato di giocare più alti. Questa è una verità assoluta che dobbiamo accettare. In questo momento c’è una difficoltà nostra e non possiamo permettercela. I giocatori? Hanno anche loro questa difficoltà, sono dispiaciuti come tutti perché erano convinti di poter fare una buona gara e dare una svolta. Spiace anche a me per loro. Telefonata a Moratti? Non credo, però vediamo. Io devo fare il mio lavoro e tirare le conclusioni.

Ci sono delle difficoltà oggettive. Quando abbiamo giocato molto coperti ma non da grande squadra ci siamo comportati bene, però appena cerchiamo di spingere ci complichiamo la vita. Insomma, effettivamente ci sono problemi evidenti, quando piazziamo un centrocampo più coperto siamo stati sempre più concreti. Questo è quanto è emerso in modo chiaro, non so poi se in futuro possa essere diverso: di certo me lo auguro, ma non posso prevederlo, dipenderà da tante condizioni, anche dall’entusiasmo che potrebbe dare una vittoria. Il dato però è assolutamente evidente perché le partite sono state diverse.

Dovremo fare un passo indietro e cercare di avere il controllo della gara evitando di subire così tanto. Questa sera avevo schierato un attaccante in più rispetto al match con la Roma per migliorare e invece abbiamo peggiorato. Moratti? Io mi faccio forte nel mio lavoro, ci credo fortemente nonostante mi stia creando ora una prova difficile dopo tante soddisfazioni negli anni passati. Dovrò venirne fuori da parte mia in maniera più forte. Da parte mia può essere solamente così”.

[Fabrizio Romano – Fonte: www.fcinternews.it]