Lazio, Pioli: “Non dobbiamo mai dimenticar l’umiltà”

211

logo-lazioROMA – Una rimonta perentoria, una Lazio strepitosa riesce a battere il Milan, recuperando lo svantaggio. Al rientro in campo dopo il break, la Lazio scende in campo per prima, con un atteggiamento da combattente. Ma non esiste uno specifico segreto per questa rimonta, come spiega Stefano Pioli ai microfoni di Sky:L’intervallo è stato semplice, non c’era bisogno di dire tanto. I giocatori si rendono conto quando dominano l’avversario e costruiscono occasioni. Ho detto di continuare a giocare così, è stata una grande serata, non posso che fare i complimenti ai giocatori e al pubblico che c’ha sostenuto, abbiamo senza altro meritato di vincere”.

Questa vittoria ovviamente aggiunge nuove consapevolezze a questo gruppo: “Non c’era bisogno di questa partita per capire il valore della squadra, sono convinto di allenare un’ottima squadra che può giocarsi le partite alla pari con le altre squadre, abbiamo qualità e soprattutto mentalità. La parola ‘mollare’ non fa parte del nostro vocabolario, questo è importante, unito alla qualità dei nostri giocatori. Dobbiamo capire che i nostri successi passano soprattutto dallo spirito“.

La Lazio ha interpretato la partita nel migliore dei modi: “Gara perfetta perché volevamo riprendere il nostro cammino, abbiamo perso immeritatamente contro il Napoli e avevamo una grandissima determinazione. La partita sarebbe perfetta senza l’infortunio di Djordjevic. E’ andato in clinica, la caviglia ha fatto un gesto innaturale, speriamo bene. Sarebbe un peccato perderlo, perché è un elemento importante“.

Pioli ha poi ripercorso questi primi sei mesi alla Lazio: “All’inizio dovevo parlare di convinzione, sono arrivato in un momento particolare dopo un’annata difficile e un ambiente non troppo positivo. I primi risultati sono stati negativi, ma dovevo far capire alla squadra che eliminando i cali di concentrazione i risultati sarebbero arrivati. Il nostro percorso di crescita continua, ora siamo in grado di battere le grandi squadre, ci mancava fino a quel tempo fa. I risultati ci hanno dato consapevolezza ora la squadra ha mentalità“.

Infine un commento sull’ottimo stato di forma della squadra:“Il fatto che stiamo bene fisicamente è importante, ma è il nostro modo di lavorare che porta a questo rendimento. Dobbiamo continuare così dando importanza al lavoro quotidiano, poi le partite si giocano per cercare di vincere, di attaccare ed essere aggressivi. La società mi ha messo a disposizione un ottimo organico. Ora piedi i ben piantati per terra. Non dobbiamo mai dimenticar l’umiltà, ci deve accompagnare sino alla fine”.

[Capogrossi/Tringali/Castellani – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]

Articoli correlati