Lega di Serie A, le prime dichiarazioni di Miccichè da Presidente

Lega di Serie A, le prime dichiarazioni di Miccichè da PresidenteGaetano Micciché è stato eletto Presidente della Lega di Serie A. I venti club, riuniti in assemblea a Milano, lo hanno votato all’unanimità. Profitto e obiettivi qualitativi nel suo programma

MILANO – La Lega di Serie A ha eletto il suo Presidente: si tratta di Gaetano Micciché, 67 anni, palermitano, banchiere, presidente di Banca Imi del Gruppo Intesa San Paolo. É stato scelto all’unanimità: venti preferenze su venti voti.

Presenti, tra gli altri all’assemblea, il presidente della Juventus Andrea Agnelli, quello del Napoli, Aurelio De Laurentiis, quello del Genoa Enrico Preziosi; l’amministratore delegato del Milan, Marco Fassone e il Commissario dell’Inter Giovanni Gardini.

Le prime dichiarazioni del neo Presidente

Intervenuto in conferenza stampa subito dopo l’elezione, Miccichè, dopo aver ringraziato tutti coloro che hanno deciso di votarlo, si è detto intenzionato a portare il proprio contributo di serietà allo sport. E ha dichiarato di voler coinvolgere tutte le componenti, dalle società ai tifosi passando per gli organizzatori di eventi, in modo che il mondo del calcio possa diventare una grande realtà in cui perseguire gli interessi di tutti.

Tra gli obiettivi principali ha indicato il profitto, quindi le soluzioni migliori per valorizzare il calcio italiano. Ma anche obiettivi qualitativi. “Il calcio racchiude tutta la società civile italiana. Quello che abbiamo noi è unico: grandi squadre e grandi città: Napoli, Bari, Bologna, Firenze, Genova, Roma, Torino, Mliano, Venezia. Posti dove vedere non soltanto la partita, ma anche chiese, i musei, i ristoranti. Tutto questo gli altri campionati non sono in grado di offrirlo., noi dobbiamo riuscirci”.