Ljajic: ”Aspettavo da tanto questa convocazione”. Vargas in nazionale: ”Non sono al meglio ma gioco”

Entusiasta per la prima convocazione in nazionale maggiore, Adem Ljajic racconta ai giornalisti serbi di aver atteso con trepidazione quella che in realtà è la seconda chiamata, dopo che nel 2008 fu convocato da Antic ma non potè rispondere. “Sono contento di far parte della squadra nazionale maggiore e ho taciuto in questi mesi la delusione per una convocazione che tardava ad arrivare. Ma non ho mai pensato di giocare per altre nazionali (come la Bosnia-Erzegovina, ndr) che non fossero la Serbia” ha detto Ljajic (traduzione di Violanews.com) che poi ha parlato di Fiorentina.

“Il mio obiettivo era quello di diventare titolare e con l’arrivo di Mihajlovic ho avuto la possibilità farlo e sono soddisfatto di questo. E’ vero che il ritorno di Mutu mi ha tolto spazio, ma sono giovane e ho tanto tempo davanti, la priorità adesso va alla squadra. Mihajlovic? E’ giovane ma è un allenatore molto bravo. Sono sicuro che farà una grande carriera ed è un onore lavorare con lui. Sinisa sa sempre quando è il momento di essere duro e quando possiamo scherzare”.

VARGAS – Volato in Peru per rispondere alla chiamata della sua nazionale, Juan Manuel Vargas ha spiegato ai media peruviani che nonostante una condizione fisica tutt’altro che ottimale, ha voglia di giocare l’amichevole (!) contro la Colombia: “Non sto molto bene fisicamente, ma cercherò di dare il meglio in campo. Sarò sempre disponibile per la nazionale ogni volta che sarò convocato. Vengo da un infortunio ma sto meglio, ho giocato con la Fiorentina e quindi non ha esitato a venire” ha detto Vargas. Che giocando questa amichevole, finirà col saltare la gara di sabato sera contro il Milan (almeno per quanto riguarda la formazione titolare), visto che l’esterno tornerà a disposizione di Mihajlovic solo venerdì.

[Simone Bargellini – Fonte: www.violanews.com]