Marchisio: “Se non si dovesse ripartire niente Scudetto”

295

scudetto

Le parole dell’ex centrocampista della Juventus nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di Sportmediaset.

TORINO – Claudio Marchisio ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Sportmediaset. Queste le sue parole a cominciare dall’eventuale ripresa del campionato: “Da sportivo e da amante dello sport e del calcio sono favorevole a una ripartenza se tutti si prenderanno le proprie responsabilità, a partire dal Governo fino alle società che dovranno garantire la sicurezza degli addetti ai lavori e dei calciatori stessi. Alcuni hanno paura ma è giusto che sia così, credo sia un fatto di responsabilità. Abbiamo bisogno di una mossa veloce e rapida del governo e delle varie Federazioni”.

Sulla questione Scudetto ha aggiunto: “Credo che i calciatori della Juventus sarebbero i primi a non accettarlo, come credo qualsiasi sportivo dovrebbe fare. Se non si dovesse ricominciare a giocare bisognerà trovare un modo per portare avanti questa situazione, anche per le squadre che in questo momento sarebbero qualificate per le coppe. Ma credo che lo Scudetto, se non si dovesse ripartire, non dovrebbe essere assegnato. Sarebbe la cosa migliore”.

Su un ritorno di Pogba alla Juventus: “Me lo auguro ma è un peccato dire che adesso sarebbe il momento giusto per tornare. L’anno scorso l’ho incontrato a un evento privato e gli ho tirato le orecchie dicendogli perché aveva scelto di andare a Manchester e che doveva restare in bianconero. Ora sono cambiate un po’ le cose, è cambiato il centrocampo della Juve ma mi auguro un suo ritorno perché farebbe bene a tutti e due. Conosce già l’ambiente e la Serie A, aumenterebbe la qualità di una squadra già formidabile”.

Sul futuro: Non credo che la panchina sarà la mia strada ma ho smesso giovane e ho tempo per cambiare idea in futuro. Fare un percorso come Nedved sarebbe una bella prospettiva anche perché penso che avere in società persone che conoscono lo spogliatoio e la città e che possano fare da collante con la squadra sia molto importante”.

Articoli correlati