Mbappé si racconta a L’Equipé: “Volevo solo il Real Madrid”

34

 

bandiera psg

Le parole del fuoriclasse del PSG nel corso di una lunga intervista rilasciata all’edizione odierna de L’Equipe.

PARIGI – Kylian Mbappé ha rilasciato una lunghissima intervista al quotidiano francese L’Equipe. Queste le sue parole a cominciare dalla questione rinnovo: “Il Real ha fatto un’offerta (e anche diverse, da 160 a 200 milioni di euro). Quando dico che abbiamo sentito molte cose, sto parlando di qualcos’altro: hanno detto che ho rifiutato sei o sette offerte per il rinnovo, ma mai nella mia vita. Hanno detto che non volevo parlare con Leonardo, mentre era il presidente (Nasser al-Khelaïfi) che voleva prendere in mano la questione. Mi è stato detto di parlare con il presidente, non ho intenzione di dirgli di no. Si è detto che stavo pensando di rovinare anche lo spogliatoio: niente affatto.Quando il tuo presidente dice davanti al mondo intero che non ve ne andrete, e non ve ne andrete liberi… All’epoca ero un po’ preoccupato, non vi mentirò. Mi sono detto: se non parto libero, cosa mi succederà? Poi fai un passo indietro e ti dici che è il loro modo di mostrare il loro attaccamento. Significa che piaccio al club e che non mi lascerà andare. Pensavo che la mia avventura fosse finita. Volevo scoprire qualcos’altro. Ero nel campionato francese da sei o sette anni. Ho dato quello che ho cercato di dare a Parigi e penso di averlo fatto bene. Arrivare a 18 anni e fare tutto quello che ho fatto, penso che sia stato qualcosa di notevole. Dopo, ognuno è libero di trarre le conclusioni che vuole, ma questa è stata la mia valutazione. Andarsene era la logica conseguenza”.

Il fuoriclasse del PSG ha, poi, aggiunto: “Sono rimasto e sono davvero felice. In nessun momento della stagione vedrete un comportamento del tipo: “Non mi avete lasciato andare, ho intenzione di puntare i piedi”. Amo troppo il calcio e ho troppo rispetto per il club, e per me stesso, per togliere il piede dall’acceleratore anche solo per una partita. E per quanto riguarda la mia situazione, per un mese e mezzo, due mesi, non abbiamo discusso sul rinnovo, ho detto che volevo lasciare.  Sono nel calcio da abbastanza tempo per sapere che la verità di ieri non è quella di oggi, né quella di domani. Se qualcuno mi avesse detto che Messi avrebbe giocato per il PSG, non ci avrei creduto. Quindi non sappiamo cosa può succedere. Siamo lontani, perché volevo andarmene quest’estate. Non ho intenzione di fare l’ipocrita e gettare una bottiglia in mare, tipo: “Oh, non lo so. Quest’estate, la mia ambizione era chiara, volevo lasciare e mettere il club nelle migliori condizioni per garantire la mia sostituzione. Al momento, il mio futuro non è la mia priorità. Ho già sprecato un sacco di energia quest’estate, ed era logorante”.

Su Messi: “Prima di tutto, bisogna sottolineare che si tratta di una grande assunzione. Abbiamo colmato molte lacune. Abbiamo una squadra molto competitiva, pronta a lottare per tutti i trofei. Dopo di che, in agosto-settembre, abbiamo avuto giocatori che sono tornati tardi, che erano infortunati. Un sacco di micro-problemi, significava che non potevamo essere tutti in forma al momento giusto. Contro il City, è stata la prima volta che siamo riiusciti ad essere tutti in forma, anche se non siamo ancora al top. Battere il City (2-0) è un motore per iniziare bene questa stagione. Non avrei mai immaginato che venisse qui! È uno dei pochi giocatori che ho messo in una scatola che ha detto ‘non posso giocare con lui’. Per me, non avrebbe mai lasciato il Barcellona. Mi godo ogni momento con lui. Non bisogna mai dimenticare che è un privilegio. È uno che ama il calcio. Parla con tutti, cerca di integrarsi a modo suo, anche se è un po’ timido. Ma in campo non è timido”.

Sull’Europeo: “Potete fare tutte le analisi che volete, c’è un dibattito in cui siamo unanimi: abbiamo fallito completamente. Quando vieni eliminato agli ottavi da un avversario presumibilmente inferiore (Svizzera) quando stavi conducendo 3-1 all’80° minuto. Sì… Ho anche perso una finale di Champions League. Le vacanze mi hanno aiutato ad andare avanti, perché è difficile ricominciare a giocare subito dopo un evento del genere. Si è portata avanti la cosa, perché la gente ha lasciato che si portasse avanti. Ti dirò la verità: la sera stessa ero infuriato, ma due giorni dopo non ci ho più pensato. Gli ho spiegato, gli ho detto quello che avevo da dire e poi è finita. È vero che si è protratta con la stampa, con la gente, c’era sempre quest’ombra sulla testa della squadra, ma non era più un problema per noi. Ho avuto una disputa, sì, che è stata pubblicizzata perché è iniziata in pubblico”.

Sulla Francia: “È meno positivo, direi. Negativo, è troppo pronunciato. Abbiamo bisogno di trovare uno slancio collettivo, ma anche di prestazioni, perché non siamo così bravi. Abbiamo anche bisogno di alcune vittorie importanti: se vinciamo la Nations League, per esempio, riporterà immediatamente uno slancio positivo. Battere il Belgio, e l’Italia o la Spagna dopo, sarebbe un messaggio importante. All’inizio pensi che sia una cosa amichevole, ma poi quando vedi tutto il riconoscimento, la pubblicità intorno alla vittoria del Portogallo (nel 2019), ti dici, beh, ok, ci giocheremo anche noi. Le Olimpiadi erano un obiettivo. E sono stato rapidamente tagliato fuori. Ma le Olimpiadi del 2024 saranno una priorità per me. Se dovrò includerlo nel mio contratto, non esiterò. So dove passerò parte della mia estate nel 2024. Questi Giochi sono in Francia, sono i Giochi del centenario di Parigi. L’ho sempre sognato! Le Olimpiadi sono il Santo Graal dello sport. Non è la più grande competizione nel calcio, ma è qualcosa di inaudito quando si ama lo sport”.

Articoli correlati