Milan, Inter, Juve e Napoli: mercato e dispetti, si prevede un gennaio scoppiettante

Da mesi non vivevo un Natale così ricco di avvenimenti dal punto di vista calcistico. Colpi di scena, sgarbi e acquisti sotto l’albero. Iniziamo proprio dal trasferimento che ha ridato ad Antonio Cassano una nuova possibilità di rilanciarsi e mettersi in luce con una maglia importante del calcio italiano. Il Milan con l’arrivo del talento di Bari Vecchia può avere anche più soluzioni tattiche da sfruttare. Prima di tutto può giocare accanto ad Ibra, così come alla Samp giocava al fianco di Pazzini.

Inoltre può agire dietro le due punte, ed ha la stoffa per farlo, anche se Allegri gli chiederà di ripiegare in fase di non possesso per non sbilanciare gli equilibri, cosa invece che non faceva affatto Ronaldinho. Ed è stato uno dei motivi della rottura con il Milan e con l’allenatore. A Milanello Antonio Cassano troverà gente che lo accoglierà a braccia aperte, ma che non tollererà le “cassanate”, Galliani in primis che lo ha fortemente voluto.

Sostanzialmente penso che se Cassano in queste settimane ha tenuto un mino di condizione fisica, potrebbe già giocare a Cagliari in una partita molto sentita dal suo nuovo tecnico, che vorrà sicuramente fare uno sgambetto al suo ex Presidente. L’arrivo di Cassano e soprattutto l’abbandono da parte di Berlusconi del suo gioiello più brillante, costringerà Ronaldinho a lasciare il Milan. Il fuoriclasse tornerà in Brasile per indossare nuovamente la casacca del Gremio, squadra che l’ha lanciato quando era ragazzino. Il Gremio infatti vuole farsi il regalo dell’anno e sta spingendo molto per averlo da subito.

Lui potrebbe andarci per poi partire verso Los Angeles con destinazione Galaxy. Restando in tema Milan, si parla sempre anche di Mario Balotelli, soprattutto per giugno. Per l’ex Inter molto dipende da Roberto Mancini. Se fanno risultati nessuno li schioda da Manchester, altrimenti tutto può succedere, compreso il trasferimento in rossonero. Vorrei comunque fare i complimenti per la vittoria del Golden Boy, ma serve continuità per affermarsi in Premier League, e soprattutto umiltà. Passando all’Inter ma con un occhio ancora al Milan, il tema di giornata è sicuramente l’arrivo di Leonardo. Sinceramente non so se i tifosi dell’Inter sono tutti soddisfatti della scelta. Leonardo è un uomo intelligente, capace di gestire e scoprire grandi campioni, ma sono sicuro che il sogno della curva era senz’altro Zenga, almeno fino a giugno, poi da lì si pensava con calma ad una soluzione più importante.

Il mercato sta entrando nella fase più calda. Branca dovrà trovare ora dei giocatori all’altezza dell’Inter anche per mettere subito Leo nelle condizioni di lavorare con un gruppo adeguato. Chi invece a gennaio forse non si muoverà tanto è la Juventus. I bianconeri a mio avviso daranno ad Amauri la possibilità di dimostrare il suo vero valore e dunque non interviene in attacco, ma il tesoretto della quasi certa partenza di Sissoko potrà essere utilizzato per qualche buona occasione, ma a livello numerico l’uscita in questo reparto comporta l’inserimento di un sostituto che Marotta e Paratici hanno individuato nel promettente Poli. Il Napoli cerca un centrale di difesa mancino, tutti gli indizi portano al giovane Angelo Ogbonna (22) del Torino, ma il presidente Urbano Cairo e il suo direttore sportivo Petrachi, se la sentiranno in piena corsa verso la massima serie di cedere un pezzo così pregiato?

[Malu’ Mpasinkatu – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]