Milan: la scoperta dell’acqua calda

Dopo l’arrivo di Boateng, terzo dono del nostro mecenate Preziosi, Allegri avrebbe chiesto un terzino sinistro e un difensore centrale. Ma come, un centrale quando in rosa sono già presenti valide alternative alla coppia titolare come Bonera, Sokratis e Yepes? Non bisognava certo essere dei giornalisti navigati per rendersi conto che al momento la rosa del Milan è assolutamente incompleta in tutti i reparti, salvo si reputi Oduamadi pronto per vestire i panni di vice Pato (sempre infortunato, ma anche questa non è una sorpresa) e si tenga in considerazione anche in impegni ufficiali Merkel come possibile alternativa sulla trequarti; due ragazzini che sembrano pronti per dare un minimo contributo alla causa.

Difesa: sulle condizioni di Nesta c’è più di una riserva e probabilmente anche il colombiano Yepes non ha entusiasmato l’allenatore toscano in questo pre-campionato. Sulle fasce siamo comunque scoperti pur considerando l’utilizzo di uno fra Bonera e Sokratis come terzino destro, a meno che si voglia nuovamente riciclare Ignazio Abate in quella posizione. La famosa coperta troppo corta. Già ad inizio estate denunciai l’esiguità della rosa del Milan dal punto di vista qualitativo.

Numericamente ci siamo: ma considerando anche i quattro corpi morti della rosa rossonera, i famigerati moschettieri del “ritiro lo stipendio e chissenefrega” Oddo, Jankulovski, Kaladze e Onyewu. Su quest’ultimo mi domando: per quale motivo è stato acquistato ? Lo sapevano tutti: l’americano è un bidone. Non a caso in Belgio giocava peggio del suo compagno di reparto, l’ex milanista Sarr (avessi detto Baresi). Galliani gli ha rinnovato il contratto. Solito discorso: meglio un bidone gratis che un giocatore discreto a pagamento.

Al massimo si darà la colpa ai tifosi: Onyewu è un fuoriclasse, ma i tifosi ne hanno criticato l’acquisto, per questo soffre la pressione psicologica e gioca male. Su gli altri tre è forse inutile spendere altre parole. Mi limito a sottolineare che se è legittimo che il Milan debba rispettare le scelte di Jankulovksi, come ha dichiarato il ceco ai microfoni di Sky, allo stesso modo lo pseudo laterale dovrebbe rispettare i suoi tifosi. In cinque anni di Milan non ha imparato a fare una diagonale: possibile? Ho sempre visto uno Jankulovski sottotono o infortunato. Le partite giocate bene saranno una dozzina ad esagerare. La stagione del Milan parte così ad handicap, grazie ai quattro cavalieri dell’apocalisse, portatori di disgrazia e di sventura.

La domanda che mi pongo ciclicamente e che nessuno prende in considerazione attende una risposta: se quest’anno il Milan dei risparmi e del bilancio in parità dovesse arrivare quinto, con che soldi avvierebbe la famosa restaurazione ? Contratti onerosi come quelli di Pirlo e Seedorf non saranno rinnovati, ma quali giocatori prenderemo ? Mediani over 30 in scadenza di contratto ? Giovani 20enni senza esperienza ? Giocatori in gentile omaggio da Genoa o Sampdoria ? Mi rammarico del fatto che la guerra fra evoluti e non evoluti (ora la netta maggioranza rispetto a due anni fa) abbia come primo risultato quello di distogliere l’attenzione da questo tema. Non resta che la speranza in un miracolo di Allegri.

[Riccardo Giannini – Fonte: www.dnamilan.com]