Mondiali 2014, Brasile-Olanda 0-3: orange terzi, verdeoro tra i fischi

109

Mondiali Brasile 2014Chi si attendeva una reazione del Brasile, dopo la più grande umiliazione calcistica della storia, è rimasto deluso. All’Estadio Nacional de Brasilia la selezione di Scolari esce nuovamente tra i fischi e gli insulti dei propri tifosi: nella finalina contro l’Olanda non arriva l’umiliazione dei sette gol subiti con la Germania, ma il 3-0 è comunque netto e senza attenuanti. La partita dura sostanzialmente un quarto d’ora, quanto basta agli olandesi per approfittare delle praterie nell’area di rigore verde-oro. Al rigore di van Persie fa seguito la rete di Blind e poi nel finale arrotonda Wijnaldum.

IL PROTAGONISTA – Arjen Robben. Non entra nel tabellino dei marcatori, ma si conferma in una condizione fisica e mentale strepitosa scattando e lasciando sul posto avversari a ripetizione fino al novantesimo. Si procura il rigore ad inizio gara e ne meriterebbe un altro nella ripresa. Solo il mancato approdo in finale gli impedirà di vincere il pallone d’oro del Mondiale.

LA MOSSA VINCENTE – Non è stato difficile per un genio come Van Gaal imitare in minima parte quanto fatto dalla Germania. L’Olanda aspetta quanto basta, conoscendo i limiti nel fare gioco del Brasile che alza molto anche i terzini, esponendosi sistematicamente alla ripartenza a campo aperto. A difesa schierata non cambia molto il copione ed il risultato poteva essere anche più rotondo.

POTEVA FAR MEGLIO – Il Brasile, ovviamente. Nulla di nuovo rispetto a quanto visto in semifinale: manca equilibrio ed i rischi maggiori arrivano quando la selezione di Scolari imposta l’azione chiamando in avanti anche i terzini e restando sempre scoperta. Il paradosso è che non riesce neanche a creare qualcosa d’importante in attacco. Menzione speciale anche per l’arbitro algerino Djamel Haimoudi che non ne azzecca praticamente una.

LEGGI: Mondiali 2014, Brasile-Olanda 0-3: il tabellino

[Antonio Gaito – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]

Articoli correlati