I numeri dell’industria calcio in Italia e l’importanza delle plusvalenze

110

La Pandemia avvicina lo spettro della crisi anche nel mondo del calcio, si rischiano perdite economiche clamorose.

MILANO – Al pari di altri comparti economici anche l’industria calcio (soprattutto quella) rischia la recessione a causa della Pandemia che sta paralizzando il mondo intero, espandendosi giorno dopo giorno. I campionati sono fermi e c’è un’incertezza incredibile sull’eventuale riprese e le annesse modalità di riprogrammazione, sia dei tornei nazionali che delle coppe europee. Ma quanto rischia di perdere l’industria calcio a causa della Pandemia?

Per comprendere meglio la potenza economica del movimento calcistico internazionale basta analizzare alcuni dati a partire dalla nostra Serie A: in appena sette anni (2012-2019) nel nostro campionato sono state generate plusvalenze dal valore di 3.76 miliardi. Si rischiando perdite irreparabili visto che solo nel 2018/2019 l’industria calcio ha generato un valore di produzione pari 2.7 miliardi. Cifre stratosferiche a cui, però, va ad aggiungersi l’imposizione debitoria sul sistema bancario: si stimano, infatti, impegni economici per 2.4 miliardi di euro con costi complessivi fino a 3.5 miliardi di euro.

Se considerassimo il mercato generale (includendo anche Serie B e Serie C), l’incidenza dei debiti sarebbe superiore all’80%. Le plusvalenze, in questo caso, diventano più importanti che mai visto che, secondo le analisi, pesano per più del 20% della produzione toccando valori superiori ai 700 milioni di euro nell’ultimo anno (717). Il record appartiene alla stagione 2017/2018 con 777 milioni di euro generati dalle plusvalenze. La tragedia economica, però, potrebbe riguardare Serie C e Dilettanti con tante squadre che, al termine dell’emergenza, saranno costrette a sparire a causa delle perdite economiche.

Queste le cifre in ballo:

  • Valore globale delle plusvalenze generate dalla Serie A nel periodo 2012-2019: 3.76 miliardi di euro
  • Livello record di plusvalenze registrate in Serie A (2017/2018): 777 milioni di euro
  • Volume di plusvalenze nella stagione sportiva 2018/2019: 717 milioni di euro
  • I costi della Serie A: 3.5 miliardi di euro
  • Volume dell’esposizione debitoria della massima serie: 2.4 miliardi di euro
  • Volume del fatturato dell’industria calcio: 2.7 miliardi di euro
  • Incidenza dei debiti sul sistema calcio: 80%
  • Peso percentuale delle plusvalenze all’interno della torta dei ricavi dei club di Serie A: 20%
  • Seconda posizione del mercato in Italia, per volume di plusvalenze, nel confronto europeo (davanti alla Serie A c’è solo la Premier League)

Articoli correlati