Nuoto CSI, assegnati i titoli nazionali a Lignano Sabbiadoro

42
nuoto csi 2024
nuoto csi 2024 – Foto: CSI

Ben 563 le medaglie assegnate nei 4 giorni delle finali alla piscina olimpionica Bella Italia Village. La Lombardia sale 287 volte sul podio con 108 ori

LIGNANO SABBIADORO – Sono 204 i neo campioni nazionali di nuoto del CSI, laureatisi nei 4 giorni di finali a Lignano Sabbiadoro nei diversi stili e nelle diverse 19 categorie. Nella piscina olimpionica del Bella Italia Village sono state assegnate ben 563 medaglie. Erano circa 1.500 gli atleti in vasca, qualificatisi nei vari circuiti regionali del Campionato Nazionale di Nuoto CSI. A tuffarsi nell’acqua “tricolore” sono state 793 femmine e 644 maschi, con cuffie di 73 società sportive, 26 Comitati CSI portacolori di 10 regioni italiane. La Lombardia, regione con oltre la metà di finalisti scesi in acqua, ottiene parimenti un risultato super, conquistando 287 medaglie complessive, ben 108 quelle del metallo più pregiato. La Campania chiude invece con 38 ori e 102 medaglie totali. Il Piemonte conquista 44 medaglie, la metà dorate. Il Lazio vince 19 argenti portando 53 atleti capitolini sul podio. Infine la Liguria fa festa per i 18 bronzi e le 30 medaglie totali vinte.

Sono state le ultime staffette 4×50 sl, domenica mattina, a regalare gli ultimi punteggi utili per il Trofeo per Società, conquistato dalla Sportindoor All in One di Bergamo, cento e più punti davanti al Forum Sport Center Roma, al Golden Brixia Brescia ed alla Swim&fit Sphaera Bergamo. Nel medagliere per società, in testa troviamo la Vilmar 2013 Salerno con 21 ori sui 36 podi conquistati, tanti quanti la Golden Brixia Brescia, che ritorna a casa con 14 campioni, così come la Vittoria Alata Nuoto Brescia. Qualche medaglia d’oro in più per la Vallebelbo Sport Alessandria: 15 sulle 28 totali. Quinta nella conta delle medaglie vinte, con 35 podi e 13 successi, la Sportindoor All in One Bergamo. Ad entusiasmare i finalisti arancioblu la graditissima visita del friulano Antonio Fantin, il campione paralimpico nei 100m stile libero a Tokyo 2020, nonché dieci volte campione mondiale e nove volte campione europeo. Il recordman europeo e mondiale paralimpico sui 50 e sui 100 sl si è intrattenuto a lungo con i finalisti del CSI a bordo vasca, con selfie e autografi e scambiando diverse parole con la trentina di nuotatori con disabilità che hanno preso parte al Campionato Nazionale CSI.

Anche a bordo vasca non sono mancati sorrisi e divertimento, grazie alla presenza dei creator della pagina social “Nuotatori Brutti”, che hanno coinvolto i ragazzi e le ragazze in divertenti “sfide” tra sorprese, giochi e gare d’eccezione.