Sci, le parole di Marta Bassino dopo il secondo posto nel gigante di Killington

29
podio-killington
podio Killington – Foto FISI

Marta Bassino è seconda nel GS di Killington vinto da Gut-Behrami. Brignone nona, Melesi recupera fino all’ undicesimo posto

KILLINGTON – Marta Bassino ricomincia da dove aveva finito. La ventiseienne cuneese del Centro Sportivo Esercito, che aveva cncluso la scorsa stagione con un secondo posto a Meribel, si è piazzata nuovamente al posto d’onore nella prima prova fra le porte larghe sulla pista “Silverstar” di Killington, superato solamente da una grande Lara Gut-Behrami. Bassino, quinta a metà gara, ha intepretato bene le due insidiose manches, terminando la propria prestazione a soli 7 centesimi dalla campionessa del mondo in carica, che torna sul gradino più alto del podio per la prima volta proprio dal successo a Cortina nel 2021, per il trionfo numero 35 in carriera. Marta invece conquista il piazzamento numero 22 sul podio sulla pista che nel 2019 le regalò il primo successo, ma soprattutto manda un chiaro segnale alla concorrenza: ci sarà anche lei fra le pretendenti al trono di specialità che già fu suo nel 2020. A completare il podio di giornata ci ha pensato un’altra regina del gigante, la campionessa olimpica Sara Hector, terza a 20 centesimi.

Segnali positivi nella seconda manche anche da Federica Brignone: la campionessa valdostana, tredicesima a metà gara, è uscita dal cancelletto della seconda manche con ben altro piglio, recuperando quattro posizioni, fino al nono posto. La palma di sopresa di giornata va assegnata invece a Roberta Melesi. La lecchese di Ballabio, qualificatasi con il ventinovesimo tempo, ha addirittura segnato il miglior tempo nella seconda parte, con il quale ha recuperato diciotto posizioni, fino all’undicesima piazza che rappresenta naturalmente la sua miglior prestazione in carriera. Non aveva superato il taglio del mattino Karoline Pichler. La classifica generale dopo tre gare disputate vede al comando Mikaela Shiffrin (oggi solamente tredicesima) con 220 punti davanti a Petra Vlhova (quarta al traguardo) con 170 e a Hector con 141.

Le dichiarazioni di Marta Bassino al traguardo

“Sono molto molto contenta di avere iniziato così la stagione, sciando in questa maniera. Nella prima manche il tracciato girava tanto ed era difficile sciare bene tecnicamente, nella seconda tutto era molto più filante, mi è venuto tutto più naturale. Quest’anno l’obiettivo è giocarmela in tutte le gare, partire molto serenamente senza pensare troppo a sciare ma soltanto a divertirmi. Sapevo che Gut-Behrami stava sciando bene, non mi aspettavo forse la sua vittoria con una Hector così forte e una Shiffrin in palla ma se l’è meritata in pieno. Del resto a Killington siamo sempre state tutte molto vicine. Oggi mi sono piaciuta sotto tutti i punti di vista, ho gestito bene la situazione, tirando fuori la grinta e mostrando le mie capacità. La tensione era logico che ci fosse, però l’ho trasformata in energia positiva. Adesso mi sposto a Lake Louise, farò le prove e poi gareggerò in supergigante”.