Pioli: “Ho gradito molto l’atteggiamento della squadra, siamo stati attenti”

logo Europa LeagueROMA – Al termine del match contro il Galatasaray, Stefano Pioli ha analizzato la prestazione dei suoi ai microfoni di Sky Sport: “Il gol sul 2-1 mi ha fatto arrabbiare, avevamo gestito bene la partita fino a quel momento rischiando davvero poco. Nel primo tempo ci è mancata un po’ di precisione ma poi sul 2-0 non ci voleva quella disattenzione. Sono soddisfatto e contento per i miei giocatori, se lo meritano. Hanno dimostrato di essere superiori a un avversario di valore come il Galatasaray.

L’atteggiamento della squadra mi è piaciuto molto, siamo stati attenti, concentrati e vogliosi di fare la partita. Tutti hanno fatto molto bene, dando un apporto alla squadra: è stata la prestazione collettiva di una squadra che voleva meritare questo passaggio del turno e di essere superiore agli avversari. Cosa ho detto ai miei all’intervallo? Ho detto di continuare a giocare così, questa era la partita che dovevamo fare. Abbiamo lavorato tanto e bene, ero sicuro che avremmo trovato spazi per compirli. Ho cercato di rincuorarli perché a fine primo tempo i miei ragazzi si aspettavano di essere già in vantaggio. Se non ci fosse stato l’errore sul 2-1 sarebbe stata una partita di altissimo livello.

Il palo di Matri? Sono cose che succedono, io ero molto positivo e ho cercato di trasmetterlo alla squadra. In campionato stiamo facendo fatica ma siamo capaci di giocare a questo livello, possiamo ambire a fare un finale di stagione positivo.Cambio spesso i giocatori d’attacco? In questo periodo sto facendo tante considerazioni, ho tanti giocatori d’attacco di qualità, non dimentichiamoci che abbiamo vinto con l’Inter e con la Fiorentina con Felipe e Candreva in campo. Candreva in quel periodo li era stato in un’ottima condizione. Però devo tenere conto anche dei centrocampisti come Milinkovic che ha grandissime possibilità ma deve ancora diventare completo, è più offensivo che difensivo. Avere giocatori più difensivi sugli esterni ci permette di avere più equilibrio.

Speriamo che tutte le italiane passino il turno e di evitare di incontrarle. Il Bayer Leverkusen? Lo sapevo ma non mi chiedere se voglio incontrarli (ride, ndr)”. Il tecnico biancoceleste ha continuato la sua disamina del match ai microfoni di Lazio Style Channel: “La cosa importante è aver passato il turno meritandolo in entrambe le gare. Abbiamo saputo gestire il piccolo vantaggio restanbdo ben accorti nel primo tempo, riuscendo a sfruttare gli spazi lasciati dal nostro avversario, specialmente nel secondo tempo.

La squadra ha lavorato bene con una buona organizzazione e generosità. Pericoli ce ne sono stati pochi, per esempio nell’occasione del gol. Hanno fatto bene Klose, Candreva. É importante che i compagni che entrano diano il massimo, le sostituzioni sono un’arma in più.

In Europa è il settimo gol su palla inattiva, dobbiamo sfruttare questa capacità anche in campionato. Sassuolo? É una gara importantissima. All’Europa League penseremo un attimo domani per il sorteggio, ma il match di lunedì è molto importante. Che questa vittoria ci dia fiducia e convinzione: il Sassuolo è forte, ma noi siamo la Lazio.

Milinkovic? É evidente che abbia ottime potenzialità, che possa crescere ancora tantissimo diventando un centrocampista completo in entrambe le fasi. Ma tutta la squadra ha meritato la qualificazione”.

[Benedetta Orefice – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]