Le nuove date della Premier League: partite dal 13 giugno?

138

premier league

Secondo la Gazzetta dello Sport gli allenamenti dovrebbero riprendere il 18 maggio mentre il 13 giugno via libera ai match del massimo campionato inglese.

LONDRA – Nella giornata di ieri è andata in scena un’importante riunione (in videoconferenza), tra i vertici del calcio inglese, per stabilire le nuove date della Premier League. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, gli allenamenti potrebbero ricominciare il 18 maggio mentre il massimo campionato d’Oltremanica dovrebbe riprendere ufficialmente il 13 giugno. Se così fosse  il torneo si concluderebbe il 19 luglio e i vertici della Premier avrebbero indicato anche due opzioni per l’avvio della prossima stagione: 22 agosto come ipotesi più accreditata, 12 settembre come alternativa. La fattibilità del programma dipenderà, ovviamente dall’andamento del virus che verrà valutato dopo il 7 maggio, data termine della quarantena imposta dal Governo britannico dopo il prolungamento di venerdì scorso.

I vertici della Premier hanno anche studiato, nel report in cui sono state indicate le date, visite mediche, procedure di controllo, stadi e numeri di persone alle quali consentire l’ingresso negli impianti, dove, scontato, le gare si svolgeranno a porte chiuse. Per quanto riguarda le procedure medico-sanitarie, prima di ripartire, calciatori, staff tecnici, arbitri, magazzinieri, team manager e inservienti saranno sottoposti all’esame dei tamponi. Per quanto concerne il capitolo stadi, inoltre, l’ipotesi più accreditata resta quella di disputare i 92 match rimanenti negli impianti Leicester, Sheffield, Wolverhampton e Birmingham. Il numero di persone che potrà accedere ai singoli impianti potrebbe variare da 200 a 400, tra cui: quaranta calciatori, quindici/diciotto membri dei due staff, settanta tra giornalisti e operatori delle TV aventi i diritti, ventotto cronisti della stampa e del web, dieci operatori sanitari, inservienti e polizia. Non sarà permesso, ovviamente, l’ingresso ai tifosi.

Articoli correlati