Roma, Veretout “Voglio vincere con questa maglia”

134

roma bandiera

Le parole del centrocampista della Roma nel corso di una lunga intervista rilasciata ai canali ufficiali del club capitolino.

ROMA – Jordan Veretout, centrocampista della Roma, ha rilasciato una lunga intervista sui canali ufficiali del club capitolino. Queste le sue parole a cominciare dalla situazione attuale: “Ora ho più tempo da passare con la mia famiglia, mi piace molto stare a casa con loro perché per tutto l’anno viaggio tanto per il calcio e un aspetto positivo di questa emergenza è il poter passare più tempo con loro. Ovviamente spero che tutto si risolva al più presto, che si possa tornare a giocare e soprattutto che si possa porre fine al pericolo del Coronavirus, però cerco di godermi il tempo che posso passare con la mia famiglia. Mi manca giocare a calcio perché è la mia passione e lo faccio da sempre. La mia vita è questa: la famiglia e il calcio. Quando manca una delle due cose è difficile. Mi manca tanto andare al campo di allenamento, parlare con i miei compagni, giocare a calcio. Anche i miei parenti in Francia ora sono nella nostra stessa situazione, stanno tutti bene ma come noi non possono uscire. Dico a tutti di restare a casa il più possibile perché è pericoloso uscire”.

I momenti più significativi della stagione il rapporto con Fonseca

I momenti più significativi della stagione: “Il gol al Napoli? È stata un’emozione molto forte, fare un gol allo Stadio Olimpico davanti ai tifosi della Roma è bellissimo, poi contro una grande squadra lo è ancora di più. Ricordo che quando Edin mi ha dato il pallone per calciare il rigore, ho guardato subito Kolarov perché il rigorista era lui. Ne aveva sbagliato uno nel primo tempo e mi ha detto ‘Vai Jordan!’Prima di calciare mi sono passate mille cose per la testa ma alla fine è andata bene. Il rapporto con Fonseca? Mi trovo molto bene, quando per la prima volta mi ha chiamato mi ha convinto del fatto che mi volesse e sono contento di essere venuto a Roma, in una grande squadra, con grandi tifosi e un grande allenatore come lui che mi ha già aiutato e potrà solo farmi crescere di più”.

Il toccante ricordo di Davide Astori

Infine, ma non per importanza, un toccante ricordo di Davide Astori: “La prima settimana dopo la morte di Astori è stata difficile, Astori aveva una grande personalità, era il capitano. Quando sono arrivato in Italia e non parlavo la lingua lui mi ha aiutato moltissimo. Quello che noi compagni ci siamo detti per ripartire è che lui era un guerriero sul campo e noi dovevamo diventare come lui. E così abbiamo vinto una partita, due, tre, quattro, cinque, sei consecutive. La vita è andata avanti ma lui è ancora dentro di noi. Ancora oggi io penso spesso a lui. Dobbiamo vivere per lui, se oggi do tutto sul campo è anche perché sono ispirato da un capitano come lui, che metteva tutta la sua grinta negli allenamenti e nelle partite. Della prima partita giocata senza di lui contro il Benevento ho una foto a casa di tutti noi della Fiorentina a terra dopo la fine dopo il triplice fischio. Eravamo travolti dalle emozioni”.

Articoli correlati