Scudetto più rossonero, il Milan disintegra l’Inter

Il Milan vince il derby contro l’Inter e mette una seria ipoteca sullo scudetto. I rossoneri hanno dominato per lunghi tratti la gara, galvanizzati anche dal gol trovato dopo 47 secondi del primo tempo con Pato.

Primo tempo ricco di emozioni e di episodi dubbi. Sempre nei primi minuti Maicon ferma col braccio una conclusione di Robinho: Rizzoli non dà il rigore, ma le immagini non sembrano dare conforto al direttore di gara. L’Inter si fa pericolosa a sprazzi: in uno di questi Pazzini si fa ipnotizzare da Abbiati. Proprio il portiere rossonero compie un’autentica prodezza respingendo un colpo di testa a botta sicura di Thiago Motta, mentre pochi minuti prima Van Bommel aveva colto la traversa con un tiro da fuori area deviato da Chivu. Il primo tempo si chiude con un errore clamoroso di Eto’o sotto porta.

Nella ripresa al 51′ il Milan perde Gattuso per infortunio, ma tre minuti dopo l’Inter resta in dieci per l’espulsione comminata a Chivu per un fallo da ultimo uomo su Pato. Il Milan approfitta subito della superiorità ed al 62′ trova il raddoppio ancora con Pato. La partita è virtualmente chiusa, il Milan amministra il vantaggio e l’Inter è con la testa già alla Champions League. Nel finale, all’89’, c’è festa anche per Antonio Cassano (subentrato per Pato, migliore in campo), che trasforma un calcio di rigore concesso per fallo di Zanetti sullo stesso attaccante ex-Sampdoria. Nel recupero Cassano viene espulso per doppia ammonizione.

Finisce quindi tre a zero per il Milan, che si riporta così a cinque punti di vantaggio sui cugini nerazzurri: molti diretti interessati hanno dichiarato che questo derby non sarà decisivo, ma sicuramente una chiara impronta al campionato la dà.

[Gianluca Losco – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]