Serie A 2020/2021: ecco il piano per ripartire, porte chiuse o aperte?

250

Serie A

La Lega Serie A sta studiando un piano per riportare i tifosi negli stadi il prima possibile, i primi due turni del prossimo campionato a porte chiuse.

MILANO – Nella giornata di ieri il Governo ha imposto la chiusura di tutte le discoteche (fino al 7 settembre) per cercare di porre un freno alla rapida risalita dei contagi nel nostro Paese. Coinvolto, di riflesso, anche il calcio visto che la Lega Serie A sta studiando un minuzioso piano per riportare i tifosi negli stadi in condizioni di massima sicurezza. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport, infatti, regna nuovamente l’incertezza per quanto concerne la riapertura degli impianti.

Circa un mese fa, visto il repentino miglioramento della situazione Nazionale, la Lega Calcio aveva elaborato un protocollo per proporre una parziale riapertura degli impianti al fine di ottenere l’ingresso fino a 1/3 della capienza. Il documento non è stato nemmeno preso in considerazione dal Comitato Scientifico. All’interno della Federcalcio continuano a sperare di togliere i lucchetti ai vari impianti per la terza giornata della Serie A 2020-21, cioè nel weekend del 3 e 4 ottobre.

 

Articoli correlati