Serie A, Torino-Juventus: il post partita di Mihajlovic e Allegri

408

Torino Juventus cronaca diretta risultato tempo reale

Le parole del tecnico granata e quello Juventus nell’immediato dopo partita del Derby della Mole vinto dai bianconeri

TORINO – Si è da poco concluso il derby della Mole tra Torino e Juventus vinto dai bianconeri per 3-1 grazie alle reti di Higuain (2) e Pjanic che hanno ribaltato la rete di Belotti. Sentiamo le dichiarazioni post-partita dei due tecnici.

Le parole di Mihajlovic

“Sino all’82’ è stata gara equilibrata, prima abbiamo avuto anche qualche occasione per fare gol. Non si è vista la differenza tra le due squadre, sono orgoglioso dei miei ragazzi. C’è consapevolezza che giocando come oggi, possiamo giocarcela con tutti. Dobbiamo migliorare la percezione di certe gare che non vanno perse, come quella di Genova: fa parte del processo di crescita”.

Il tecnico spiega che credeva al successo: “Ho fatto cambi per provare a vincerla, non ho alcun rimpianto. Ho chiesto ai miei di alzare il ritmo nel secondo tempo, perché la Juve poteva essere stanca dopo tante gare. Ci abbiamo provato, chiaro che sono battibili, lo ha dimostrato il Genoa, ma è pur sempre la Juventus. Sull’1-1 ero convinto di non perderla, gli episodi sono andati contro”.

Su Belotti: “Ha margini di miglioramento incredibili, deve tenere i piedi per terra, per la mia squadra io preferirei Belotti a Higuain”.

Le parole di Allegri

“I ragazzi hanno fatto una buona partita. Siamo andati sotto perché è stato bravo Belotti. Nel secondo tempo abbiamo preso un po’ di contropiedi, ed abbiamo sbagliato l’ultimo passaggio nel finale. Sapevamo di dover fare una partita del genere, di combattimento. Dybala è straordinario, e sta tornando in forma. Oggi ha giocato un po’ di più, ma deve rientrare in condizione. Che Mandzukic non l’abbia presa benissimo ci può stare, ma credo che in una grande squadra si debba accettare una sostituzione. Lui ha giocato bene, e anche molto sinora, ma in quel momento mi serviva tecnica. Bisogna migliorare, siamo in una buona condizione fisica.”

“Stiamo crescendo, e stanno rientrando tutti. Con Pjanic oggi eravamo con un 4-4-2 un po’ storto, per giocare sulle due punte, allargando spesso su Cuadrado, per mandarlo all’uno contro uno. Khedira quest’anno ha giocato molto. Lui è bravo a smarcarsi per ricevere palla. Era un 4-4-2 sporco perché davanti alla difesa c’era solo Marchisio. Sami è molto bravo a leggere le situazioni. Pjanic da giovedì ha fatto due mezzi differenziati, io ho colto la palla al balzo per usarlo nell’ultima mezz’ora. Sperare nel pareggio di Roma-Milan penso sarebbe normale, ma notavo che quest’anno ci sono stati pochi pareggi, ed infatti la classifica è un po’anomala. Questo denota il fatto che sarà più equilibrata. Domani sera non vedo la partita, abbiamo la cena di Natale”.

Articoli correlati