Serie B, 32 giornata: risorge il Cagliari, colpo del Bari a Novara

277

serie bkt blu

Bene il Como, domani il big match Crotone-Pescara, lunedì si chiude con Avellino-Ternana

Si muove il fondo della classifica di Serie B. In ambito salvezza, infatti, il campionato cadetto, oggi alla 32ª giornata, sembra essere entrato nel periodo più caldo della stagione. Se da una parte la Pro Vercelli pareggia in casa per 1-1 con l’Ascoli, dall’altro il Como fa il colpaccio, passando per 2-1 a Modena. In ambito play-off, invece, brutta caduta del Novara, che perde per 2-1 in casa contro il Bari. La testa della classifica, infine, ha un nuovo proprietario, seppur forse momentaneo. Grazie al successo per 2-0 a Vicenza, infatti, il Cagliari sale al comando con 65 punti, in attesa del Crotone impegnato domani contro il Pescara.

VICENZA-CAGLIARI 0-2

VICENZA – Il Cagliari ritrova la vittoria. I sardi, dopo la debacle nell’ultimo turno contro il Perugia, si impongono per 2-0 in trasferta contro il Vicenza e volano (momentaneamente) in testa alla classifica di Serie B. I padroni di casa, rimasti in 10 già sul finire del primo tempo per il doppio giallo rimediato da Pinato, cadono al 68’ per il gol di Cinelli. Dopo un’ottima azione personale di Melchiorri, la palla arriva sui piedi del prodotto del settore giovanile della Lazio che, a porta vuota, realizza il più semplice dei tap-in. Al 90’, poi, ci pensa Melchiorri a chiudere i conti, con un tiro che batte il portiere avversario dopo aver saltato il diretto marcatore. Il successo conduce il Cagliari al primo posto con 65 punti, in attesa del Crotone impegnato domani in casa con il Pescara. Sempre terzultimo, invece, il Vicenza a quota 31.

PRO VERCELLI-ASCOLI 1-1

VERCELLI – Termina in pareggio per 1-1, lo scontro diretto per la salvezza tra Pro Vercelli e Ascoli. A passare in vantaggio per primi, con un rigore piuttosto dubbio, sono gli opsiti. Budel, infatti, tocca appena Cacia, ma l’arbitro non ha dubbi e assegna il penalty. Dagli 11 metri va lo stesso Cacia che non sbaglia e realizza il suo gol numero 112 in Serie B al 3’. Il pareggio dei padroni di casa arriva sempre su calcio di rigore. Canini, al 22’, trattine Marchi in area e l’arbitro decide per un nuovo penalty. Sul dischetto c’è Marchi, che non fallisce e trova l’1-1. Nella ripresa le emozioni si susseguono, ma nessuno riesce a trovare il varco giusto. L’Ascoli, inoltre, chiude in dieci per l’espulsione diretta di Benedicic al 73’. Il pareggio fa rimanere entrambe le compagini nei piani bassi della classifica: Pro Vercelli 19° a quota 34 e Ascoli 17° con 36 punti.

NOVARA-BARI 1-2

NOVARA – il Novara viene bloccato nella sua rincorsa alle parti alte della classifica. I piemontesi, complice anche la penalizzazione in classifica di 2 punti, vedono in pericolo il loro 3° posto a quota 52, anche a causa della sconfitta odierna per 2-1 col Bari. A sbloccare il risultato, dopo appena 3’, ci pensa Gonzalez. L’attaccante azzurro batte Micai con un bel sinistro da fuori area, che si insacca sul secondo palo. Prima di questa opportunità, però, i padroni di casa avevano già impensierito gli avversari, colpendo due pali. Ad inizio ripresa, però, Maniero ristabilisce la parità. L’attaccante del Bari, servito da Rosina supera Da Costa con un diagonale sul palo lungo. A 10’ dal termine, però, Sansone tira fuori il colpo vittoria per il Bari. Il fantasista raccoglie bene la sponda di testa di Maniero e in acrobazia realizza il definitivo 2-1 per i pugliesi. A 7’ dal termine, poi, i padroni di casa restano anche in 10 per il doppio giallo rimediato da Gonzalez. Se il Novara, con il pareggio odierno, si mantiene in corsa per la promozione in Serie A, il Bari si rilancia ulteriormente in classifica: 50 punti e 7° posto per i pugliesi.

PERUGIA-SALERNITANA 1-1

PERUGIA – Buon pareggio esterno per la Salernitana. I campani, dopo il ko dello scorso turno contro il Lanciano, pareggiano per 1-1 in casa del Perugia. A sbloccare il match è la rete messa a segno al 16’ da Aguirre. L’attaccante degli umbri, lasciato troppo solo in marcatura dalla difesa avversaria, raccoglie bene il cross di Guberti, battendo Strakosha con una conclusione di prima intenzione. Al 74’, però, arriva il pareggio su rigore, siglato da Coda, che trasforma il penalty concesso dall’arbitro per un tocco di braccio di Milos sul cross di Nalini. Il pareggio proietta il Perugia a ridosso della zona play-off, con i biancorossi decimi in classifica a quota 44. Situazione sempre difficile, invece, per la Salernitana, penultima con appena 31 punti.

LANCIANO-CESENA 2-0

LANCIANO – Il Lanciano di Maragliulo, una delle squadre più in forma del campionato, non si ferma più. Vince per 2-0 contro il Cesena e conquista la sesta vittoria nelle sei gare sotto la guida del tecnico salentino. La Virtus Lanciano ha buone opportunità per sbloccare il match ma il risultato cambia solo nel finale di primo tempo. Di Francesco si rende pericoloso in molte occasioni e al 46′ Perico frana su Marilungo in area e Nasca non ha dubbi: rosso e calcio di rigore. Dal dischetto va Ferrari che non sbaglia. Ottava rete stagionale per Nicola Ferrari, settimo rigore a favore dei rossoneri, il secondo trasformato dall’ex attaccante del Verona. Al 79′ i padroni di casa trovano la rete del raddoppio. Vastola crossa in mezzo e Marilungo segna a porta vuota di testa.

LATINA-BRESCIA 2-2

LATINA – Il Brescia trova il primo punto in trasferta nel 2016. Dopo 4 sconfitte consecutive, gli uomini di Boscaglia pareggiano 2-2 contro il Latina allo stadio Domenico Francioni. Dopo la vittoria contro il Crotone nel turno precedente, arriva il pareggio per la formazione lombarda. Nel primo tempo, dopo un gol annullato a Dumitru per posizione di fuorigioco, il Latina passa in vantaggio. Al 14′ sugli sviluppi di calcio di punizione, Scaglia pennella un pallone perfetto per l’inserimento di Dellafiore che sfugge a Coly e, in spaccata, batte Minelli. Nella ripresa, gli ospiti spingono per cercare il gol del pareggio e al 75′ lo trovano. Traversone dalla sinistra di Embalo per il centro dell’area. La difesa del Latina sala male lasciando Kupisz libero di battere a rete. Gli spiti non si fermano e all’82’ completano la rimonta e raddoppiano. Kupisz ubriaca di finte Calderoni, si sposta la palla sul mancino e calcia dal limite. La sfera si stampa sul palo, Geijo è lesto a ribadire in rete. Undicesimo gol in campionato per lo spagnolo. Ma il Brescia commette un’ingenuità proprio nel finale e il Latina ne approfitta. Errore del numero 2 delle Rondinelle che si fa scavalcare dal pallone in area di rigore e tocca con la mano. Per Chiffi non ci sono dubbi e assegna la massima punizione ammonendo il giocatore del Brescia. Dal dischetto va Oliveira che non sbaglia. Il risultato torna in parità.

MODENA-COMO 1-2

MODENA  – Il Como espugna l’Alberto Braglia di Modena. I lariani vincono 2-1 e conquistano tre punti avvicinandosi alla Salernitana ma rimanendo sempre all’ultimo posto in classifica. La gara non si sblocca nei primi 45 minuti. Il Modena si salva al 30′ quando l’arbitro decide di annullare un gol al Como. Cross di Madonna, parata di istinto di Manfredini su Cristiani, sulla ribattuta Pettinari mette dentro. Tutto inutile, però, l’attaccante è in posizione di offside. Non inizia nel migliore dei modi il secondo tempo per gli uomini di Crespo. Nonostante i ritmi bassi, al 52′ Ganz porta in vantaggio il Como: alla prima occasione l’attaccante dei lariani batte Manfredini. Per lui si tratta della quattordicesima rete stagionale. Malissimo la difesa del Modena che, dopo il primo errore, ne commette un altro dopo tre minuti e gli ospiti approfittano. Dopo il palo di Ganz, sulla ribattuta Cristiani infila in rete alle spalle del portiere avversario. I tifosi protestano e iniziano i cori contro la squadra di casa. I padroni di casa si riprendono e al 70′ accorciano le distanze. Mazzarani riapre la partita direttamente da calcio piazzato. Perfetta l’esecuzione del fantasista di Crespo. Il suo destro a giro s’infila nel sette.

TRAPANI-LIVORNO 1-0

TRAPANI – Il Livorno di Panucci, dopo il pareggio nel turno precedente contro la Virtus Entella, perde per 1-0 a Trapani. Poche emozioni allo stadio Polisportivo Provinciale di Erice. Nel primo tempo, però, meglio il Trapani. Nel finale della prima frazione di gara, l’arbitro Illuzzi è costretto a lasciare la direzione al quarto uomo per un infortunio al polpaccio. Nella ripresa, i padroni di casa trovano la rete dell’1-0 al 76′. Conclusione precisa, insidiosa, col destro, dal limite dell’area per l’esterno di casa, che trova l’angolino e – su assist di Montalto – regala il vantaggio ai suoi. Panucci prova a inserire Vantaggiato (10 gol in campionato per l’attaccante) per cercare di cambiare le sorti del match. Ma non basta. Con questa vittoria, il Trapani rimane imbattuto da sei turni.

Articoli correlati