Serie B: il Cagliari stritola il Brescia (6-0), ok Bari e Trapani

317

In chiave salvezza vince il Vicenza contro la Ternana (2-1) mentre pareggiano Lanciano (2-2 a Latina) e Salernitana (1-1 a Vercelli).

Il Cagliari vede sempre più vicina la Serie A. I rossoblù infatti travolgono il malcapitato Brescia 6-0 e prenotano la promozione diretta. Per quanto riguarda la corsa play-off vittoria facile per il Bari (3-0 sul Como) mentre successo più che sofferto per il Trapani che batte nel finale l’Ascoli per 4-3. Tornano anche alla vittoria Entella (1-0 sul Modena) e il Novara che batte al 93′ il Livorno (2-1). Il Perugia batte l’Avellino 2-0 e spera ancora nei play-off. Per quanto riguarda le zone basse della classifica vittoria importante per il Vicenza che batte la Ternana 2-1 mentre pareggiano Lanciano (2-2 a Latina) e Salernitana (1-1 a Vercelli).  Martedi si torna in campo per il turno infrasettimanale. Serie B: il Cagliari stritola il Brescia (6-0), ok Bari e Trapani

CAGLIARI-BRESCIA 6-0

CAGLIARI – Il Cagliari domina dai primissimi minuti. I sardi si portano in vantaggio al 4′ con Capuano che anticipa tutti sul calcio di punizione di Farias. Inizia quindi lo show di Joao Pedro. Il 24enne brasiliano segna una tripletta che abbatte il Brescia. Il primo gol arriva al 23′ su calcio di rigore. Il raddoppio arriva dieci minuti più tardi: Pedro chiude il triangolo con Deiola e mette in rete con un colpo di testa. La terza rete arriva a inizio ripresa, Joao Pedro infila Minelli con un tirro-cross imprendibile. Le Rondinelle salutano definitivamente il match al 57′ quando Antonio Caracciolo rimedia il secondo cartellino giallo che vale l’espulsione. Giannetti umilia il Brescia al 62′ con la 5ª rete per il Cagliari che vale l’avvicinamento al Crotone e alla serie A. C’è tempo anche per il 6° gol della gara, un tap-in di Sau su assist di Giannetti.

BARI-COMO 3-0

BARI – La squadra di Camplone batte 3-0 il Como grazie alle reti di Puscas, Dezi e Rosina e ottiene il sesto risultato utile consecutivo. Una vittoria preziosa che proietta i pugliesi al terzo posto solitario a +1 dal Trapani e a +2 dalla coppia formata da Pescara e Spezia. Succede tutto nella ripresa con Puscas che, con un tocco sotto porta porta in vantaggio i suoi. Passano pochi minuto e Dezi concede il bis mentre nel finale c’è spazio anche per la prodezza dai 25 metri di Rosina che fissa il punteggio sul 3-0.

TRAPANI-ASCOLI 4-3

TRAPANI -Partita spumeggiante tra Trapani e Ascoli. La squadra di Serse Cosmi raggiunge la 6ª vittoria consecutiva e con 59 punti si avvicina al 3° posto occupato dal Bari. Il Trapani al 30′ del primo tempo è già sul 2-0: il primo gol arriva grazie a Pagliarulo, il raddoppio, invece, è firmato da Citro. Al 37′ Cacia accorcia per l’Ascoli su calcio di rigore, Altobelli pareggia al 39′. La partita si decide negli ultimi 20 minuti. Il Trapani va sul 3-2 con Montalto al 71′, ma al 74′ Cacia pareggia ancora su calcio di rigore. Il gol vittoria arriva all’82’ con Nizzetto che si ritrova tra i piedi in area un pallone solo da spingere in porta.

ENTELLA-MODENA 1-0

CHIAVARI – Caputo fa sognare l’Entella. Eh si perchè è proprio lui il mattatore del match: il cross da destra di Belli è preciso, la difesa del Modena, ferma e l’attaccante di testa batte Manfredini. Il Modena però c’è. L’Entella soffre a centrocampo e gli ospiti giocano di più la palla e creano due pericoli con un tiro deviato da un difensore di Mazzarani (21′) che finisce fuori di poco e soprattutto con un colpo di testa di Marzorati che colpisce l’incrocio dei pali. La musica non cambia nella ripresa. Il Modena spinge, l’Entella opera di rimessa. Caputo forse non è efficace come in altre occasioni, ma per la difesa ospite rappresenta sempre un pericolo. Al 51′ un suo colpo di testa è debole, cinque minuti dopo, imbeccato bene da Troiano, non impatta bene sul pallone. Sull’altro fronte il Modena fa molto gioco, ma non crea moltissime occasioni. Al 57′ su un diagonale dell’ottimo Mazzarani Luppi non ci arriva di un niente, mentre al 77′ un tiro potente di Crecco è respinto con i pugni da Iacobucci. Nel finale il Modena prova a dare tutto. Ma un po’ la poca lucidità e un po’ per l’attenzione dei tifosi di casa il risultato non cambia.

VICENZA-TERNANA 2-1

VICENZA – Vittoria meritata del Vicenza che continua la striscia positiva di due vittorie e un pareggio. La Ternana parte meglio e per una decina di minuti tiene il Vicenza nella propria metà campo. Al 15′ si sblocca il risultato. Galano serve in profonditá Ebagua,marcato da Meccariello; il difensore ha un controllo difettoso e favorisce l’attaccante che di prima intenzione fulmina Mazzoni. Dopo 5′ nella ripresa il Vicenza ipoteca i 3 punti raddoppiando con Vita che raccoglie in area la gran palla di Signori e mette la palla alle spalle di Mazzoni con un destro secco. I rossoverdi provano a rientrare con un colpo di testa di Avenatti, neoentrato, e un tiro dai 20 metri dello stesso centravanti. Ma è il Vicenza a raccogliere di più: il tris è appena sfiorato con Sbrissa (sinistro a lato di mezzo metro al 12′), Ebagua, autore di una mirabolante rovesciata al 25′ su assist delizioso di Moretti. La squadra di Lerda si rende ancora pericolosa nel quarto d’ora finale con Signori (piattone alto) e Raicevic che per due volte prova a bucare la rete ma deve fare i conti con un attento Mazzoni. La reazione vera, concreta degli uomini di Breda è tardiva. Al terzo e penultimo minuto di recupero è Avenatti a segnare l’1-2 sfruttando un cross dalla sinistra e battendo di testa Benussi.

PERUGIA-AVELLINO 2-0

PERUGIA – Il Perugia non si arrende e, grazie al 2-0 sull’Avellino, continua a credere nel sogno play-off ora distante solo 4 punti. Per quanto riguarda gli Irpini una crisi senza fine che adesso rischia seriamente di far immischiare l’Avellino nella lotta per non retrocedere. E martedi arriva il Trapani. Per quanto riguarda il match la sblocca al 14′ il Perugia con un orrore difensivo di Biraschi che serve erroneamente Ardemagni che, vede Aguirre tutto solo che fa 1-0. Il raddoppio è servito al 60′ con un’incornata di Belmonte su calcio d’angolo.

PRO VERCELLI-SALERNITANA 1-1

VERCELLI – Dopo la bella e sofferta vittoria casalinga contro il Latina, la Salernitana fa visita alla Pro Vercelli per uno scontro determinante per i playout. Padroni di casa a 39 punti a +4 sui granata ai quali serve unicamente un risultato per continuare a sperare nella salvezza. Buon inizio della Pro Vercelli che su un’azione insistita va vicina al vantaggio al 9′ con Oikonomidis che salva in spaccata sulla linea salvando la Salernitana. Al 30′ ospiti avanti grazie all’ennesimo goal di Coda, bravo ad avvitarsi di testa su calcio d’angolo di Ronaldo. Salernitana cinica e fortunata, brava a sfruttare l’unica vera occasione concessa dall’attenta difesa della Pro Vercelli nella prima frazione di gioco. Al 37′ prova a rispondere Germano ma la conclusione del giocatore della Pro Vercelli è strozzata e di facile presa per Teracciano. Nella ripresa cala la Salernitana e ne approfitta la Pro Vercelli, che col passare dei minuti prende campo. Al minuto 84 mischia in area granata, Mammarella serve l’assist decisivo per Beretta che non sbaglia: 1-1. Buona prova della Salernitana, acciuffata allo scadere ma reduce da una prestazione convincente per almeno 60′. I granata sono calati sulla lunga, concedendo qualche spazio che ha portato poi al pari dei padroni di casa. Pari che non serve nè all’una nè all’altra squadra per la corsa al playout.

LATINA-LANCIANO 2-2

LATINA – Termina con un pareggio per 2-2 lo scontro salvezza del Francioni tra Latina e Virtus Lanciano. È Dumitru ad aprire le marcature appena prima dell’intervallo. L’attaccante che a tu per tu con Cragno mantiene la freddezza ed insacca. Ma nel secondo tempo gli ospiti riescono a ribaltare completamente il risultato con le reti di Vastola prima e Marilungo poi con un bel colpo di testa in tuffo. Nel finale il solito Scaglia evita la seconda sconfitta consecutiva ai nerazzurri.

NOVARA-LIVORNO 2-1

NOVARA – Partita indecisa fino all’ultimo tra Novara e Livorno. La squadra di casa si porta in vantaggio dopo 11 minuti dall’inizio del match con Faragò che deve solo spingere il pallone in porta su assist di Lanzafame. I piemontesi si limitano a gestire il risultato, invece di pensare a chiudere il match e al 65′ vengono puniti da Comi che di sinistro insacca alla spalle di Pacini. Il Novara si lancia quindi all’attacco e al 93′ arriva il gol del 2-1 che tiene i 3 punti in Piemonte. La squadra di Baroni rimane in corsa per i palyoff. Il Livorno, penultimo, è sempre più vicino alla retrocessione in Lega Pro.

 

 

 

Articoli correlati