Serie A, la Juventus chiude in bellezza: 5-0 alla Samp

425

La Juventus demolisce la Sampdoria per 5-0 grazie alle reti di Evra, Dybala (2), Chiellini e Bonucci. Festa allo Juventus Stadium

Juventus-SampdoriaTORINO – La Juventus demolisce la Sampdoria per 5-0 e chiude in bellezza un’altra stagione da record. Ad aprire le marcature ci pensa Evra dopo soli sette minuti. Poi si scatena Dybala che, prima su rigore, e poi con un sinistro chirurgico, sigla la doppietta. Nella ripresa completano la festa il primo gol di Chiellini in questa stagione (e che gol) e Bonucci.

La gara

Allegri conferma il 3-5-2, ma rilancia dal primo minuto Mandzukic al fianco di Dybala in attacco. A centrocampo si rivede anche Lichtsteiner sulla corsia di destra, con Evra a sinistra e Pereyra, Hernanes e Pogba in mezzo. Riposa, infine, Rugani: al suo posto ci sarà Chiellini a comporre la linea difensiva a tre con Bonucci e Barzagli avanti a Neto.  3-4-2-1, invece, per Montella, che schiera dal primo minuto Alvarez e Correa alle spalle dell’ex Quagliarella. Sorpresa in porta, dove c’è Brignoli a difendere i pali. Novità, in verità annunciata, anche in difesa, con la presenza di Skriniar al pari di Diakité e Silvestre. A centrocampo, infine, toccherà a Sala, Barreto, Krsticic e Dodò.

Al 3′ erroraccio di Chiellini, che concede il contropiede alla Sampdoria. Alvarez si accentra dalla destra e prova la conclusione sul primo palo, respinge con i pugni Neto. All’ 8′ la Juve passa: calcio di punizione battuto benissimo da Dybala sul secondo palo, dove arriva lo stacco di testa imperioso di Evra, 1-0. Al 14′ contropiede velenoso di Mandzukic, che entra in area di rigore e subisce fallo in area da Skriniar. Rigore e rosso per il difensore ospite. Dal dischetto Dybala non sbaglia, 2-0. Al 21′ ancora Juve con una conclusione da posizione defilata di Dybala, che impensierisce e non poco Brignoli. Bravo, però, l’ex estremo difensore della Ternana a deviare in corner. Al 28′  gran giocata di Hernanes, che strappa il pallone dai piedi di Correa e innesca il contropiede di Dybala. L’ex Palermo tenta il tiro a giro sul secondo palo, ma Brignoli si supera e devia in angolo. Dal calcio d’angolo battuto da Dybala, prova lo stacco di testa Lichtsteiner, ma è ancora bravo Brignoli a deviare la sfera sul fondo. Al 31′ Juve ad un passo dal tris: gran giocata di Dybala, che dà un pallone d’oro a Lichtensteiner che, a pochi passi dalla linea di porta, colpisce in pieno la traversa. Al 34′ grande giocata di Mandzukic, che si accentra dalla sinistra e tenta la conclusione rasoterra sul secondo palo. La sfera, deviata, termina fuori di un soffio. Al 39′ arriva il  terzo gol della Juventus, doppietta personale per Paulo Dybala, che si accentra e scarica un bolide verso la porta difesa da Brignoli, 3-0. Al 41′ vicino all’eurogol Pogba, che lascia partire un gran tiro verso la porta difesa da Brignoli. La sfera, però, colpisce la parte alta della traversa.

Parte subito bene la Juve nella ripresa, al 53′ imbucata meravigliosa di Evra, con Chiellini che si ritrova a tu per tu con Brignoli: provvidenziale la chiusura dell’estremo difensore blucerchiato in uscita. Al 57′ Ranocchia per Sala nella Samp. Al 65′ Sturaro per Pereyra nella Juve. Al 68′ Morata per Dybala. Al 70′ gran giocata di Pogba, che scaglia una sassata verso la porta difesa da Brignoli: la sfera termina di poco larga. Ritmi da amichevole estiva nel secondo tempo. Al 77′ la Juve cala il poker con un bolide incredibile di controbalzo di Chiellini dal limite dell’area che s’infila nel sette alla destra di Brignoli, 4-0. Al 79′ fuori Correa per Soriano nella Samp. All’ 80′ ancora Juve: cross teso di Pogba dalla sinistra e deviazione sotto porta dell’ex Real, ma Brignoli è attento e blocca. All’ 81′ altro tentativo di Pogba, con il cross verso il centro dell’area che si trasforma in un tiro diretto verso il secondo palo. Blocca Brignoli. All’ 86′ arriva il 5-0: calcio d’angolo battuto benissimo verso il centro dell’area di rigore. Morata devia il pallone di quel tanto che basta per la corrente Bonucci che, da pochi metri, non sbaglia, 5-0. All’ 89′ fuori Quagliarella e dentro Ponce nella Samp. Al triplice fiscio festa Juve per uno scudetto che vale la storia.

Articoli correlati